Lanciano, "Passione Italia 17 marzo 2011". Anche l’Abruzzo in posa

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5231

LANCIANO. Si chiama “Passione Italia 17 marzo 2011” ed è la mostra nazionale di fotografia che raccoglie una selezione di oltre 1.000 immagini tra le centinaia di migliaia scattate il 16 e il17 marzo 2011 in tutta Italia da oltre 4.500 fotografi.

L’evento che mira a presentare le foto dei posti più belli e significativi dal punto di vista storico, culturale, scientifico, paesaggistico, immortalati dalla mano esperta di fotografi-artisti, sarà celebrato anche a Lanciano dove verrà allestita una mostra che racconta la vita della città e della regione. A rendere possibile l’iniziativa che sarà inaugurata presso la sede del consorzio universitario di Lanciano il giorno 23 settembre alle ore 18:00, sono stati il Comune di Lanciano e quello di Altino. Ma la città abruzzese presenterà una delle 200 mostre che quel giorno saranno contemporaneamente aperte in tutta la nazione.

Progetto Passione Italia nato con il patrocinio dell’Unità Tecnica di Missione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del Ministero della Gioventù, del Ministero del Turismo, dell’Unione delle Provincie d’Italia e da numerose provincie italiane, ha l’obiettivo di offrire uno spaccato della realtà italiana di oggi, attraverso la fotografia, e quest’anno in occasione del 150° anniversario dell’unità.

«E’ un progetto nato dall’esperienza», dicono Il circolo Fotoamatori Sangro Aventino, la Federazione Italiana Associazioni Fotografiche (alcuni degli organizzatori), «dallo scambio, dalla consapevolezza di far parte di una comunità, dall’attenzione alla vita sociale nazionale e dalla conoscenza delle potenzialità della nostra grande passione: la fotografia».

E infatti le foto si ispirano ed immortalano alcuni tratti tipici del Bel Paese come la storia, l’ identità, il lavoro, la scienza, la tecnologia, l’ ambiente, la natura, il paesaggio, la vita quotidiana.

 «Un ritratto dedicato agli italiani», dicono, « che dimostra come sia cambiato il Paese negli anni, insieme alle condizioni sociali, alla cultura nazionale ed ai capisaldi della società (scuole, luoghi di lavoro, la famiglia, i luoghi di ritrovo).

m.b.  17/09/2011 8.26