LETTERATURA

Premio De Lollis, a Casalincontrada la cerimonia finale

Omaggio al professor Ennio Esposito con un premio speciale

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6658

Premio De Lollis, a Casalincontrada la cerimonia finale
CASALINCONTRADA. Si terrà venerdì prossimo la cerimonia di premiazione della decima edizione del Premio Internazionale “Cesare De Lollis”.

Il prestigioso Premio è stato istituito dieci anni fa per ricordare l’insigne scrittore, critico, storico, filologo e dialettologo, nato a Casalincontrada nel 1863 e ivi scomparso nel 1928.
«La nostra amministrazione comunale - ha spiegato il sindaco Concetta Di Luzio – da sempre porta avanti con grande entusiasmo un Premio diventato ormai un’istituzione per tutti i cittadini e il territorio. Nonostante le difficoltà economiche, ogni anno la manifestazione riesce ad attrarre la partecipazione di nomi illustri del mondo della cultura europea e nazionale. Segno tangibile – ha proseguito il sindaco – che bisogna credere e lavorare nel giusto modo per una risorsa così importante».
Anche per la decima edizione il Premio conferma le aspettative degli organizzatori, con una giuria composta da Massimo Pamio, Ottavio De Lollis, Vito Moretti e Daniele Cavicchia. Premio saggistica Fondazione Carichieti al critico cinematografico Enrico Grezzi, che nell’ambito della premiazione terrà la lectio magistralis «Mi è sembrato di vedere un gatto - Lo stato del cinema». Secondo premio assegnato al filosofo Sergio Givone, con il nuovo volume edito da Einaudi “Metafisica della peste”. Anche Givone durante la cerimonia del 26 terrà una lectio magistralis dal titolo “Libertà e responsabilità”.
I premi speciali vanno al giornalista Marco Damilano per il volume sospeso tra storiografia e inchiesta “Eutanasia di un potere”, edito da Laterza; a seguire i saggi “I 101 piaceri di D’Annunzio. Piaceri, fulgori, voluttà” (Luì Edizioni), dell'attrice abruzzese Daniela Musini e “Astrazione e silenzio nel cinema d’autore” (Armando Curcio Edizioni), del regista abruzzese Giuseppe Melizzi; per la narrativa, il premio è andato all'attore e regista teatrale Sabatino Ciocca, anch'egli abruzzese, per l’opera “Storia di lettere” (Solfanelli).

«Quest’anno la novità è la prima edizione del “Premio Ennio Esposito” per la Ricerca nel campo delle neuroscienze – ha ricordato il sindaco Di Luzio - intitolato alla memoria dell’omonimo dottore, grande uomo e ricercatore dell’Istituto Mario Negri Sud, prematuramente scomparso un anno fa».
La giuria, composta dalla Andreina Poggi (Fondazione Negri Sud ONLUS), da Gianluigi Forloni (Capo del Dipartimento di Neuroscienze dell'Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri di Milano) e da Camillo Di Giulio (Professore di Fisiologia, Dipartimento di Neuroscienze e Imaging dell'Università G. D'Annunzio di Chieti) e dai membri onorari Esterina Esposito e il sindaco del Comune di Casalincontrada Concetta Di Luzio, ha assegnato il premio ex aequo al professor Giuseppe Di Giovanni, docente al Department of Physiology and Biochemistry alla Faculty of Medicine and Surgery della University of Malta, Vincenzo Di Matteo ricercatore presso il Laboratorio di Neurofisiologia dell’Istituto di Ricerche farmacologiche e biomediche “Consorzio Mario Negri Sud” e Massimo Pierucci, ricercatore presso l’Università di Malta nel campo delle neuroscienze.
«Naturalmente, alla vigilia della premiazione – ha concluso il sindaco - l’auspicio di tutti gli organizzatori è che la scommessa sulla quale abbiamo investito possa ritrovare il consenso di tutti, valorizzando così nel giusto modo, una manifestazione divenuta occasione di incontro con il mondo della cultura e della letteratura, nel segno della crescita di ognuno di noi e del ricordo di persone che hanno fatto la storia del nostro paese».