CULTURA

Montorio al Vomano, nasce il dizionario del Montoriese: raccolti idiomi e proverbi locali

L’autore presenterà l’opera il 10 marzo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3876

Montorio al Vomano, nasce il dizionario del Montoriese: raccolti idiomi e proverbi locali
MONTORIO AL VOMANO. La lingua, i proverbi, gli idiomi di un paese raccolti in un dizionario.

E’ il lavoro di Manlio Patriarca che sarà presentato sabato 10 marzo alle ore 17.00 nella Sala Conferenze del Chiostro degli Zoccolanti a Montorio al Vomano.
L’opera “Dizionario del Montoriese. Lessico e morfologia” scritta da Patriarca e frutto del lavoro di una vita intera raccoglie 20.278 lemmi tra nomi, aggettivi, pronomi, avverbi, verbi, interiezioni, locuzioni, congiunzioni, preposizioni, 320 voci tecniche grammaticali e 1671 idiomatismi tra proverbi, massime, motti, detti, indovinelli, scherzi, modi di dire, contenuti in un tomo di 1038 pagine.
Sarà proprio l’autore a mostrare il dizionario alla presenza del sindaco di Montorio Alessandro Di Giambattista, l’assessore comunale alla cultura Donato Di Gabriele, il professore Francesco Avolio dell’Università degli Studi de L’Aquila, il professore Giovanni Agresti dell’Università degli Studi di Teramo, l’antropologa Alessandra Gasparroni.
L’intera creazione di Patriarca ruota attorno al dialetto locale, ai proverbi, e ai tipici idiomi del posto. L’opera è suddivisa in quattro parti: la presentazione con le abbreviazioni, le voci tecniche che sono guida alla consultazione di una grammatica totalmente sconosciuta, il lessico con l’attenta ricerca non della traduzione della parola ma dell’espressione italiana dello stesso concetto. Infine, gli idiomatismi, cioè i modi dire, che rappresentano i documenti contenenti i reperti archeologici di ordine linguistico, sociale e morale. In quest’ultima parte Patriarca include aforismi, saluti, proverbi sul paese, la vita familiare e quella nei campi, le preghiere e anche qualche curiosità. Tutto rigorosamente scritto in dialetto con traduzione accanto.
Manlio Patriarca è nato a Montorio al Vomano il 15 giugno del 1933 e sin dall’ età di 10 anni ha nutrito interesse per la grammatica, i vocaboli e la lingua. Ben presto ha scoperto che l’alfabeto italiano non è sufficiente a trascrivere il dialetto e così ha iniziato ad interessarsi a De Saussure realizzando che la parlata montoriese appartiene al sistema flessivo delle lingue mediterranee, al quale sono assoggettate anche molte lingue italiche.
«Il montoriese », ha dichiarato l’autore, «ha un lessico proprio, una scrittura propria, una grammatica propria, una sintassi propria, un sistema flessivo proprio, che non è logico chiamare “dialetto” ma ha tutte le caratteristiche e le prerogative di una lingua».
Oltre al dizionario Patriarca è autore anche di una raccolta di poesie “Llu bbelle Mendurje nustre” (1989).