Festival della Letteratura, versione ridotta per una edizione a budget tagliato

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7906



PESCARA. Teatro, film, jazz, letteratura e recital: sono questi gli ingredienti della settima edizione del Festival delle Letterature, in versione ridotta per le carenze di budget.
Una rassegna che nel 2009, tra l'altro, è stata dedicata a un grande personaggio, Alda Merini, scomparsa di recente.
Lo ha ricordato l'assessore alla Cultura del Comune di Pescara Elena Seller nel corso della conferenza stampa svoltasi ieri per presentare il programma del Festival che si svolgerà a Pescara dal 26 al 29 novembre, nei locali del Museo Vittoria Colonna, con alcune incursioni esterne serali presso il locale Wake up, per i recital di musica e teatro. Presente ovviamente il curatore della manifestazione, nata nel 2003, Giovanni Di Iacovo e Paolo Ferri, uno degli organizzatori.
«Non abbiamo dubbi sull'eccezionale valore artistico del prodotto finale – ha sottolineato l'assessore Seller -. Per quattro giorni vedremo teatro, ascolteremo musica, ma soprattutto parleremo di libri, testi inediti che avremo modo di scoprire per la prima volta insieme, o testi già editi e noti, ma riletti attraverso la formula del recital. L'Abruzzo sarà protagonista della settima edizione, lasciando spazio al dramma aquilano, ma avremo anche ospiti importanti dalla Campania, come Antonio Pascale, e dalla Sardegna».
«Dinanzi a un budget ridotto – ha confermato Di Iacovo – dovevamo scegliere se concentrare il Festival in un solo giorno con due o tre nomi di rilevanza internazionale, o se prolungare l'evento per quattro giorni rivolgendoci alle produzioni e ai talenti già esistenti nella nostra regione: abbiamo optato per la seconda opportunità per lasciare spazio a quelle risorse locali che, proprio attraverso le proprie produzioni, aiuteranno l'Abruzzo a uscire dall'immagine di ‘luogo di tragedia'. La rassegna si snoderà attraverso un percorso di 28 incontri e si aprirà il prossimo 26 novembre con la presentazione del libro ‘Il processo a Carmela' di Licio Di Biase, alle 17.30, seguito dal ‘Limite acque sicure' un'antologia a cura di Massimo Avenali, ‘Con le Mani di ieri' di Vito Moretti, e una puntata serale con il Fumetto ‘Fratelli' di Roberto Battestini».
Venerdì 27 novembre i riflettori saranno puntati sul primo testo dedicato al dramma aquilano, ‘L'Aquila non è Kabul' di Giuseppe Caporale, con un concerto finale presso il circolo Wake Up dei Diaframma.
Il pomeriggio del 28 novembre si aprirà con la presentazione del libro ‘Sulle rovine di noi' di Giovanni D'Alessandro e la proiezione delle immagini di Stefano Schirato, secondo momento dedicato a L'Aquila, che poi lascerà spazio a ‘Scienza e Sentimento' di Antonio Pascale; la rassegna si chiuderà il 29 novembre con Omaggio al Mediterraneo, reading-spettacolo di Fabio Ciminiera e Angelo Valori, dedicato al jazz.

23/11/2009 17.40