Paesaggio, come tutelarlo: l’iniziativa di Archeoclub

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

9632

Paesaggio, come tutelarlo: l’iniziativa di Archeoclub


TERAMO. E' stata presentata questa mattina presso la Corte interna della Biblioteca provinciale di Teramo da Archeoclub d'Italia “Paesaggio come tutelarlo. Partiamo dalla conoscenza.”
Presenti il Presidente nazionale dell'Associazione Clelia Arduini e il Responsabile della sede locale di Teramo Gianpiero Castellucci.
Si tratta di una operazione di sensibilizzazione dell'opinione pubblica per un impegno collettivo a difesa del paesaggio italiano: il soggetto più debole dei beni culturali aggredito in modo selvaggio, specie negli ultimi trent'anni, a causa della nostra scarsa cultura ambientale.
«A livello nazionale Archeoclub d'Italia», è stato chiarito, «ha messo il paesaggio al centro della sua politica culturale contribuendo attraverso il sostegno di personalità del mondo scientifico e accademico a far conoscere l'importanza di questo bene culturale definito il palinsesto della storia.
A livello locale la sede teramana da alcuni mesi ha affrontato il tema della lettura della città e continuità di vita di Teramo e dei centri storici in generale attraverso un serrato ciclo di conferenze e di viaggi di conoscenza nella provincia, specie nella zona della Valle del Tordino».
«Nonostante l'esistenza di leggi di tutela ambientale – dice la Presidente Arduini – di regolamenti e di piani paesistici diretti a salvaguardare il paesaggio, il consumo invasivo del suolo continua senza sosta e senza regole. Stiamo perdendo, dunque, la coscienza di quello che siamo perché il paesaggio rappresenta la nostra storia, la nostra memoria. Come un libro dai molti livelli di lettura, dalle molte suggestioni, dalle infinite capacità evocative».
«C'è però un modo – aggiunge Gianpiero Castellucci - per mutare registro e salvare il salvabile: modificare la nostra cultura ambientale. Per questo abbiamo predisposto un programma di divulgazione riferito alla conoscenza della Valle del Tordino e rivolto alle scuole superiori di Teramo e provincia».
E per rafforzare questa conoscenza venerdì prossimo (11 settembre) alle ore 11, sempre presso la sede della Biblioteca provinciale di Teramo sarà presente il prof. Antonio Paolucci storico dell'Arte, Direttore dei Musei Vaticani e membro del Comitato scientifico di Archeoclub d'Italia che racconterà, il “paesaggio come ritratto dell'Italia antica”.


05/09/2009 10.28