Provincia. Crolla il palazzo ma i dipinti di Teofilo Patini si salvano

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4111

Provincia. Crolla il palazzo ma i dipinti di Teofilo Patini si salvano
L'AQUILA. Sono rimasti illesi i dipinti del pittore Teofilo Patini "Bestie da soma" e "Pulsazioni e palpiti", conservati presso la sala del Consiglio provinciale, all'interno del Palazzo del Governo, crollato.
«Una buona notizia- ha commentato la Presidente della Provincia dell'Aquila Stefania Pezzopane- Eravamo in apprensione per il valore inestimabile e la carica simbolica di questi quadri. E' bene che le opere d'arte recuperate non prendano via di fuga, apparentemente per risolverci un problema. Non accettiamo espropri, i nostri gioielli vanno assolutamente conservati sul territorio».
Intanto cresce la gara di solidarietà per salvare le opere d'arte.
La Pontificia commissione per i beni culturali della Chiesa, raccogliendo l'appello dei media del 9 aprile, e «in sintonia con le strutture centrali e abruzzesi» del ministero italiano dei Beni culturali, raccoglierà le adesioni scritte per «adottare» il restauro di una o più opere d'arte lesionate dal terremoto in Abruzzo. Lo spiega una comunicato della Pontificia commissione.
La Commissione «invita perciò, tutti gli Istituti finanziari, culturali e museali, i laboratori di restauro pubblici e privati e i restauratori diplomati che non lo avessero già fatto, a perfezionare per iscritto la loro spontanea e gratuita adesione e la disponibilità all'"adozione» di un'opera d'arte mobile con la formula «da chiodo a chiodo», al seguente indirizzo e-mail: beniculturali@beniculturali.va.
Gli interessati dovranno anche inviare un curriculum.
Anche la Soprintendenza speciale per i beni archeologici di Napoli e Pompei aderisce in occasione della Settimana della cultura 2009 all'iniziativa di solidarietà a favore delle zone colpite dal sisma in Abruzzo 'Salviamo l'arte in Abruzzo, organizzata dal Ministero per i beni e le attività culturali. Nei siti archeologici di Pompei ed Ercolano e al Museo archeologico di Napoli (MANN), aperti gratuitamente al pubblico fino al 26 aprile, è possibile effettuare una libera donazione presso le biglietterie o gli uffici informazione.
22/04/2009 12.58