Mostra "La ragione pittorica" a Teramo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2856


TERAMO. Sabato 10 maggio 2008 (ore 18:00) si inaugurerà “La ragione pittorica”: mostra allestita per evidenziare la sostanza della indagine pittorica, attraverso le opere più recenti di quattro grandi protagonisti della storia della pittura italiana che vivono e lavorano a Roma: Alberto Abate, Ennio Calabria, Giuseppe Modica e Franco Mulas.
Sarà, infatti, questo l'obiettivo dell'esposizione organizzata dall'Associazione Studio d'Arte Forlenza di Teramo a cura della dott.ssa Maria Cristina Ricciardi, che resterà aperta al pubblico fino al 14 giugno 2008 (Lunedì: 16.30 – 19.00; dal martedì al sabato: 10.00 -12.30 // 16.30 – 19.30; domenica: chiuso).
Una mostra per evidenziare la sostanza della indagine pittorica, attraverso le opere più recenti di quattro grandi protagonisti della storia della pittura italiana che vivono e lavorano a Roma: Alberto Abate, Ennio Calabria, Giuseppe Modica e Franco Mulas. Sarà questo l'obiettivo de “La ragione pittorica”: mostra organizzata dall'Associazione Studio d'Arte Forlenza di Teramo a cura della dott.ssa Maria Cristina Ricciardi, che si inaugurerà alle ore 18.00 del prossimo 10 maggio e che resterà aperta al pubblico fino al 14 giugno 2008 (Lunedì: 16.30 – 19.00; dal martedì al sabato: 10.00 -12.30 // 16.30 – 19.30; domenica: chiuso).
Vicinanze e lontananze giocheranno tra di loro in questo decimo progetto espositivo dello Studio d'Arte Forlenza, al suo quarto anno di attività. Nelle 24 opere esposte, si ritroveranno «espressività e riflessioni profondamente diversi che testimoniano – ha affermato la dott.ssa Ricciardi - il valore straordinario che la pittura assume, per la specificità della sua voce, nella babilonia dei linguaggi odierni e l'inesauribile ricchezza di significati che questa riveste ancora per sé stessa e per gli altri nel suo ruolo di irrinunciabile comunicazione umana».
07/05/2008 11.10