Nasce a Teramo il Parco della Scienza

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4418

TERAMO. Domani, martedì 6 Maggio 2008, alle 10, verrà inaugurato il Parco della Scienza, realizzato grazie al recupero e alla riqualificazione dei capannoni e dell’intera area dove un tempo era attiva la Villeroy&Boch.
Il Parco sorge all'interno dell'impianto denominato per anni “Centro Multimediale”, nel quartiere Gammarana. I lavori per la sua realizzazione avevano preso il via nel 2001, per iniziativa della Giunta Sperandio, ma alcuni anni dopo se n'era registrata la sospensione; riavviati dalla Giunta Chiodi, ora gli stessi giungono a conclusione e l'inaugurazione dell'intero complesso sancisce da un lato l'approdo della lunga vicenda, dall'altro l'avvio di un centro di cultura scientifica che apre incoraggianti prospettive per la nostra città.
Per il completamento e l'avvio delle attività del Parco della Scienza, si registra la convergenza delle principali Agenzie scientifiche operanti nel territorio, la cooperazione tra le tre Università abruzzesi, la collaborazione tra enti ed istituzioni.
All'interno del Parco saranno attivi il Museo della Fisica e dell'Astrofisica, gestito dall'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (che coordina le attività dei Laboratori sotterranei del Gran Sasso) e dall'Istituto Nazionale di Astrofisica (collegato all'Osservatorio Astronomico di Collurania); la Ludoteca tecnico-scientifica, progettata dalle tre università d'Abruzzo, dall'Assessorato regionale alle Politiche del Lavoro e dallo stesso INFN; il Consorzio Punto Europa, che avvicinerà alle opportunità culturali e finanziarie offerte dalla Comunità Europea; l'Eurispes, istituto di studi per imprese pubbliche e private, enti e associazioni. Oltre ciò, nel Parco sarà attivo un Auditorium che contiene 600 posti; in esso potranno essere organizzati convegni, conferenze, concerti; si tratta della più ampia e funzionale sala per incontri pubblici del territorio, la cui gestione sarà del Comune.
Il Parco, inoltre, è impreziosito da opere di Italo Rodomonti, l'artista teramano esponente di spicco in Italia della Space Art.

05/05/2008 13.16