È nata l'associazione "Diritti Diretti" a favore delle categorie svantaggiate

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2709


ABRUZZO. "It's up to you!", cioè: "Dipende da te!". Su questa convinzione è nata "Diritti Diretti": associazione senza scopo di lucro che persegue finalità di promozione culturale, solidarietà sociale e tutela dei diritti civili e costituzionali a favore delle categorie svantaggiate per condizioni fisiche, psichiche, economiche, sociali o familiari (anziani, minori, persone con disabilità temporanea o permanente, individui con esigenze dietetiche e/o con problemi di allergie ecc.).
«Abbiamo, infatti, costituito "Diritti Diretti" – ha spiegato la presidente Simona Petaccia – con il proposito di promuovere l'idea che stato sociale e carità devono essere rimpiazzati da libertà e diritti applicati (non solo legiferati) per le categorie svantaggiate, al fine di contrastare la diffusione di pregiudizi o stereotipi e incoraggiare la presa di coscienza delle loro abilità e del loro contributo sociale».
Questa nuova realtà associativa si oppone quindi a ogni forma di discriminazione nei settori della cultura, dell'arte, dell'informazione, della comunicazione, del turismo, della natura, dell'ambiente, dello sport e del tempo libero, facendosi portavoce degli interessi e delle esigenze degli suoi soci (persone fisiche e giuridiche, italiane o estere).
Per raggiungere tale scopo, "Diritti Diretti" mira a: sostenere iniziative volte a garantire uguaglianza e dignità; migliorare l'accesso a edifici pubblici e privati, ai trasporti e all'informazione; far riconoscere la capacità di scelta autonoma e indipendente delle fasce di popolazione poco rappresentative, dette "minoranze"; dare impulso al dialogo tra culture diverse; favorire lo sviluppo della persona e della sua identità, salvaguardando i diritti civili, siano essi "diritti naturali" o "diritti umani" (diritto alla libertà individuale, diritto alla vita, diritto all'autodeterminazione, diritto a un giusto processo, diritto ad un'esistenza dignitosa, diritto alla libertà religiosa, diritto alla protezione dei propri dati personali - privacy)».
La prima mission di "Diritti Diretti" sarà quella di avviare servizi di consulenza personalizzata offerti ai soci per la progettazione di un turismo accessibile, individuando servizi e strutture per viaggi e soggiorni in grado di permettere, senza ostacoli e difficoltà, la fruizione a persone con esigenze speciali che necessitano di particolari comodità e agevolazioni per la pratica del viaggiare.

11/04/2008 15.14