Vasto ricorda Pietro Di Donato

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2796

VASTO. Lo scrittore italo americano, che con il best seller "Cristo fra i muratori" denunciò la mancanza di qualsiasi elementare regola di sicurezza nei cantieri di lavoro negli Stati Uniti nel 1939. Un argomento ancora oggi di grande attualità.
Sarà proiettato Sabato 22 Settembre 2007 alle 18, 30 a Vasto nella Sala Vittoria Colonna di Palazzo d'Avalos il documentario di Stefano Falco dal titolo “Pietro Di Donato, lo scrittore muratore”
realizzato con il contributo della Regione Abruzzo.
Il video si avvale del contributo di interviste inedite all'autore appartenenti alle Teche Rai e all'Istituto Luce oltre che di fotografie e pubblicazioni rare.
Tra le testimonianze e i commenti quelli di Giuseppe Catania , Francesco Durante, Luigi Fontanella, Fred Gardaphe, Martino Marazzi, Luigi Murolo, Robert Viscusi.
Pietro Di Donato nato nel 1911 da genitori abruzzesi, il padre era di Vasto e la madre di Taranta Peligna, rappresenta a detta di molti studiosi uno dei principali rappresentanti della letteratura sociale fiorita negli Stati Uniti negli anni trenta. Con il suo “Cristo fra i muratori” scrisse il romanzo di due generazioni di emigrati italiani in America, di coloro che hanno eretto i grattacieli di Manhattan e sistemato le enormi opere in muratura del porto di New York, che hanno lottato a lungo per rendere possibile l'integrazione dei figli in una società nuova e contraddittoria.
Nel 1949 dal romanzo venne tratto il celebre film di Edward Dmytryk “Give Us This Day”. Il film viene realizzato in Inghilterra, tra varie traversie, a causa dell'ostracismo decretato a Hollywood dal Comitato delle attività antiamericane contro il regista e i suoi collaboratori.
Un suggestivo bianco e nero e un'eccellente interpretazione di Sam Wanamaker e Lea Padovani che vinse il Premio Pasinetti alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia nel 1950.

"Cristo fra i muratori" costituì un best seller di grande interesse in quanto denunciava la situazione di sfruttamento dei lavoratori emigrati negli Stati Uniti e più in generale delle classi più povere.
Inoltre, argomento di grande attualità, denunciava la mancanza delle più elementari regole di sicurezza sui cantieri di lavoro.
21/09/2007 11.19