Guardiabruna in festa per i 100 anni delle reliquie di Santa Vittoria

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2426

GUARDIABRUNA (CH). Hanno un significato speciale quest’anno le feste patronali a Guardiabruna, dinamica e intraprendente frazione di Torrebruna, nel Vastese: cento anni fa arrivarono da Napoli la bella statua e alcune reliquie di Santa Vittoria Vergine e Martire, tuttora conservate nella chiesa parrocchiale a lei intitolata.
Per celebrare adeguatamente la significativa ricorrenza, venerdì, sabato e domenica prossimi il comitato feste di Guardiabruna ha predisposto un programma ricco di appuntamenti. Si parte venerdì 14 settembre con la santa messa in onore di San Gaetano, al mattino, il cui culto è da sempre radicato nel piccolo centro. Nel pomeriggio, poi, ci sarà una ricostruzione dell'arrivo della statua e delle reliquie, a partire dalle 16.30: i fedeli porteranno in processione la bella effigie, recentemente restaurata, dal bivio che conduce a Schiavi d'Abruzzo fino al paese, proprio come avvenne cento anni fa. Il giorno seguente, sabato 15 settembre, la santa messa solenne sarà celebrata in piazza della Porta da monsignor Domenico Scotti, vescovo di Trivento, alle ore 11 e, a seguire, la processione per le vie del paese con la statua, mentre nel pomeriggio ci sarà un'altra celebrazione alle 17 in memoria dei caduti in guerra. Infine, il giorno seguente, domenica 16 settembre, la santa messa delle 11 sarà seguita dalla processione di ringraziamento, sempre con la statua di Santa Vittoria.
Ma quella di venerdì, sabato e domenica non sarà solo una grande festa religiosa: musica e divertimento non mancheranno per tutti e tre i giorni, durante i quali si esibiranno i complessi bandistici di Gambatesa e Celenza Valfortore. Se venerdì e domenica la sera saliranno sul palco le band “Atmosfera italiana” e “Musica a colori”, lo spettacolo clou è previsto per sabato con l'atteso concerto di Riccardo Fogli.
«Le feste patronali del prossimo fine settimana – assicurano gli organizzatori – saranno un grande momento di fede per Guardiabruna e i suoi cittadini sparsi nel mondo. Una fede resa forte nei secoli proprio da Santa Vittoria, il cui culto è stato introdotto nella nostra zona dai benedettini del monastero che sorgeva un tempo non lontano dal centro abitato, dipendenza della potente abbazia di Farfa, nella Sabina. Invitiamo tutti a partecipare a questi significativi giorni di fede e di festa, certi che sarà una grande occasione per scoprire l'accoglienza del popolo di Guardiabruna».
12/09/2007 12.46