Festa del narciso, domenica la 61° edizione a Rocca Di Mezzo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4325

ROCCA DI MEZZO. Torna anche quest'anno la Festa del Narciso, giunta alla sua 61° edizione, che si svolgerà domenica prossima a Rocca di Mezzo alle ore 15.30. A presentare la manifestazione sono stati la presidente della Provincia dell'Aquila, Stefania Pezzopane, il sindaco di Rocca di Mezzo, Emilio Nusca, Bruno Cicolani, del cda del Parco regionale Sirente-Velino, e due rappresentanti della pro loco e dell'organizzazione, Sandro Argentieri e Anna Lucia Di Corpo.
Alla festa di quest'anno sfileranno sei carri, quattro di Rocca di Mezzo e due di Ovindoli e Fonte Avignone.
La “infioritura” dei carri avverrà durante la notte precedente, partire dalle ore 22, quando i carri verranno tappezzati dai narcisi, il fiore che in questo mese nasce copioso nel Parco Sirente. La sfilata sarà allietata dall'orchestra dei “Leoncini d'Abruzzo” e la premiazione dei vincitori inizierà alle 19,30. Quest'anno saranno coinvolte anche alcune scolaresche.
«La festa del narciso è un mezzo per propagandare le bellezze del nostro territorio – ha affermato Nusca – stiamo cercando di portare l'evento a livelli più alti, inoltre, il Comune sta lavorando ad un progetto da finanziare con fondi europei in collaborazione con la città austriaca di Badausee, nostra gemellata, dove ogni anno si svolge un'analoga manifestazione».
Soddisfatta per l'evento la presidente Pezzopane che ha sottolineato come «la festa sia uno degli appuntamenti più importanti della stagione, un'occasione di rilancio per un territorio ad alta vocazione turistica».
Sono migliaia infatti i visitatori che ogni anno assistono alla sfilata dei carri, una festa che risale al 1947 e che coinvolge l'intero paese.
Il Parco Sirente Velino, ha annunciato Cicolani, «sarà sempre più vicino a questa manifestazione, stiamo investendo su progetti di ricerca scientifica per studiare le biodiversità presente nel Parco e vorremmo iniziare anche uno studio sul narciso, per analizzarne la variabilità della specie».

Mara Iovannone 17/05/2007 12.30