Il musicologo Miscia ricorda Masciangelo al Mezzopreti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1998

PESCARA – Il compositore lancianese Francesco Masciangelo, del quale l’anno scorso è stato celebrato il centenario della morte, sarà sabato prossimo (24 febbraio) il protagonista della prima conferenza del ciclo sui “Compositori abruzzesi” organizzato dall’associazione culturale “Campus di musica Muzii-d’Annunzio” di Pescara.
L'incontro, ad ingresso libero, si terrà alle 11 nella sala “Bellisario” di Palazzo Mezzopreti, sede del Conservatorio “Luisa d'Annunzio”. Salirà in cattedra Gianfranco Miscia, noto ricercatore frentano delle fonti musicali abruzzesi ed autore del volume “Francesco Masciangelo e le attività musicali a Lanciano e in Abruzzo nell'800”, uscito l'anno scorso per la collana “Memorie musicali” dell'editore Carabba. Il libro, che gli è valso il plauso di importanti centri di ricerca nazionali ed internazionali, mira a ripristinare un'attualità esecutiva dell'opera di Masciangelo e costituisce uno snodo fondamentale degli studi sul musicista, maestro di cappella a Lanciano nella seconda metà del XIX secolo.
Raccogliendo la summa delle conoscenze acquisite, apre anche la strada ad altri possibili percorsi di indagine musicologica sul suo illustre concittadino e alla diffusione delle sue composizioni nei circuiti concertistici e discografici. Nel suo scritto, seguito alla pubblicazione del melodramma sacro “La Sunamitide” (1874), Gianfranco Miscia ci restituisce un Masciangelo schivo, supportato da capacità personali e studi rigorosi, che riserva alla musica tutto il suo talento educando schiere di giovani e vivacizzando la cultura locale.
«Uno dei principali obiettivi del “Centro studi per la musica antica” che abbiamo attivato all'interno della nostra associazione – spiega Massimo Salcito, presidente della “Muzii-d'Annunzio” – è la riscoperta e valorizzazione del patrimonio storico-musicale abruzzese, ricchissimo di compositori e produzioni di pregio, ma purtroppo poco conosciuti dal grande pubblico nazionale e, purtroppo, anche locale». Parteciperà alla conferenza anche Domenico Verdone, titolare della casa editrice “Andromeda”, che ha da poco pubblicato l'opera “Gente d'Abruzzo - Dizionario Biografico”, in dieci volumi, a cura del saggista Enrico Di Carlo: Verdone illustrerà al pubblico le voci del dizionario riguardanti i musicisti che hanno lasciato il segno nella regione. Prima e dopo l'incontro Salcito e il suo staff raccoglieranno videomessaggi gratuiti di un minuto su Conservatorio, Campus di Musica, ex Muzii e Caserma della Gdf: i più singolari verranno mandati alle emittenti locali per la diffusione.
22/02/2007 10.29