La terra di Taranta: il convegno per conoscere tutto sul territorio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1952

TARANTA PELIGNA (CH). Sabato 3 febbraio, alle ore 18.00 nella Chiesa Parrocchiale di San Nicola di Taranta Peligna (CH), nel corso della conferenza "La terra di Taranta: spaccati di vita quotidiana tra contratti, letterati e testimoni" verrà presentato il libro: «Hic est liber protocollorum mej notarj Costantinj de Pactis Terræ Tarantæ». I protocolli del notaio Costantino de Pactis di Taranta Peligna (1590 – 1609) Anno 1604, a cura di Domenico Di Gianfrancesco.
La pubblicazione di questo primo volume in cui sono stati registrati gli strumenti rogati dal notaio de Pactis nell'anno 1604, cui faranno seguito a breve gli altri, è il punto di arrivo di diversi anni di ricerche sulla storia della valle del fiume Aventino portate avanti dal curatore del volume ed è stata indotta dal desiderio di rendere disponibile la documentazione raccolta a chiunque ne fosse per qualunque ragione interessato, oltre che dalla speranza di accendere un interesse diffuso verso la storia di questo piccolo centro abruzzese dal passato prestigioso ma incredibilmente dimenticato.
Taranta Peligna infatti, soprattutto nel XVI e XVII secolo, ha goduto di un'elevata importanza e floridezza economica grazie alle attività di produzione, lavorazione e commercializzazione della lana. Purtroppo la storiografia, per quanto attenta e meticolosa, si è concentrata soprattutto sui periodi più recenti (XIX e XX secolo) e ha dedicato poco spazio a quelli più antichi anche a causa di una scarsa disponibilità di documenti cosa che rende evidente l'importanza dei dieci protocolli del notaio Costantino de Pactis attualmente disponibili e conservati presso l'Archivio di Stato di Chieti i quali, coprendo un arco temporale che va dal 1590 al 1609, rappresentano una finestra unica sulla storia antica di Taranta Peligna.

L'opera ha suscitato un immediato interesse in Don Emiliano Straccini parroco di Taranta, nel sindaco Angelucci.
Alla presentazione interverranno Nicola Angelucci, sindaco di Taranta Peligna, Don Emiliano Straccini, parroco di San Nicola, Giulio De Collibus, Coordinatore Regionale Archeoclub d'Italia oltre a Domenico Di Gianfrancesco, curatore del volume e presidente dell'Associazione Culturale la Valle della Lana.

Domenico Di Gianfrancesco è nato ad Ancona, nel 1961, laureato in scienze sociali, vive e lavora e Pescara, dove è dipendente pubblico.
Ha maturato sin da giovanissimo un grande interesse per la storia e la ricerca archeologica che hanno rappresentato una sorta di file rouge della sua vita.

02/02/2007 10.16