Domani a Vasto chiusura della Mostra sul Concilio Vaticano II

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1538

VASTO. Dopo due intense settimane, la prima a Chieti presso l'auditorium delle Crocelle, la seconda a Vasto presso la sala "Colonna" di Palazzo D'Avalos, chiude domani la mostra sul Concilio Vaticano II, organizzata dall'Azione Cattolica di Chieti-Vasto e dal Centro Sportivo Italiano di Chieti.
Oltre un migliaio le presenze registrate nelle due sedi della mostra, che ha riportato in primo piano il dibattito sulla novità del concilio e sugli effetti nella società contemporanea, oltre nella Chiesa cattolica: sono intervenuti, in queste due settimane, mons. Bruno Forte, arcivescovo di Chieti-Vasto, mons. Loris Francesco Capovilla, segretario di Giovanni XXIII e già arcivescovo di Chieti e vescovo di Vasto, mons. Piero Santoro, vicario episcopale per Vasto, mons. Antonio Di Lorenzo, vicario episcopale per la Cultura della diocesi di Lanciano-Ortona, Paolo Giuntella, giornalista del Tg1, Angelo Riccitelli, vicepresidente diocesano dei Giovani di AC di Avezzano.
La chiusura ufficiale della mostra, che sarà visitabile ancora domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 presso la sala "Colonna" di Palazzo D'Avalos a Vasto, sarà affidata ad un convegno organizzato dalla Delegazione Regionale Abruzzo-Molise dell'Azione Cattolica Italiana, che si terrà dalle 15.30 presso il Politeama Ruzzi di Vastio. Tema del convegno è "Ri-educare alla speranza. Nelle famiglie, nelle città, nella storia". Relatori saranno Francesca Zabotti, vicepresidente nazionale del Settore Adulti di Azione Cattolica, e Pasquale Andria.
«L'iniziativa – ha spiegato il delegato regionale dell'Azione Cattolica di Abruzzo e Molise, Giulio Saraceni – si pone nell'ambito delle attività di formazione dell'Azione Cattolica Italiana con una particolare attenzione alla vita sociale e politica; in un momento storico come questo dove l'egoismo, l'odio, il rancore, la guerra, sembrano prevalere sull'umanità, vogliamo ridare voce alla speranza e conforto e sostegno agli ultimi, come autentici testimoni di Cristo Risorto, aiutati dal Vangelo e dal Magistero della Chiesa».


18/11/2006 14.40