Premio letterario Laudomia Bonanni: ecco chi sono i finalisti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1421

VALERIO MAGRELLI, con “Disturbi del sistema binario” (Einaudi);
NADIA CAVALERA, “Superrealisticallegoricamente” (Fermenti);
FRANCO BUFFONI “Guerra” (Mondadori).

Sono questi i nomi dei tre finalisti della sezione A, riservata alla poesia edita, del Premio Letterario Internazionale “L'Aquila”, intitolato a Laudomia Bonanni, designati dalla giuria tecnica, presieduta da Stefania Pezzopane e composta da Mila Marini, Anna Laura Giancarli, Sergio Zavoli, Renato Minore, Franco Scaglia, Francesco Sabatini, Maria Luisa Spaziani e Alda Merini.
La stessa giuria, affiancata dalla giuria degli studenti, provenienti dagli Istituti Superiori della provincia, stabilirà chi, tra i tre finalisti segnalati, sarà il vincitore di questa sezione.

Valerio Magrelli è nato a Roma nel 1957. Laureato in Filosofia all'Università di Roma, insegna Lingua e Letteratura francese all'Università di Pisa. Dopo aver diretto per alcuni anni la Collana di poesia Guanda, dirige attualmente per le edizioni Einaudi, la serie trilingue della Collana Scrittori tradotti da scrittori. Collabora alle pagine culturali de Il Messaggero, L'Unità e di Diario. Scrive settimanalmente su Avvenire (il giovedì). Ha pubblicato tre raccolte di versi: “Ora serrata retinae” (1980); “Nature e Venature” (1987); “Esercizi di tipologia” (1992), riunite in un unico volume, dal titolo “Poesie e altre poesie” (Einaudi, 1996). E' autore dell'antologia , Poeti francesi del Novecento (Lucarini, 1991), oltre che di alcune traduzioni da Valéry, Mallarmé, Debussy, Verla.

Nadia Cavalera nata nel 1950 a Galatone (Lecce). Vive a Modena. È curatrice della rivista "Bollettario", che ha fondato con Edoardo Sanguineti, e delle edizioni omonime. Ha partecipato alle iniziative del movimento della "Terza Ondata". Ha pubblicato i libri di poesia: “Amsirutuf: enimma” (1988) “Vita novissima”, 1992, “Brogliasso”, voce critica di Giorgio Bárberi Squarotti, (1996). Un libro di prosa onirica è “Nottilabio”. Dietro pseudonimi si presentano i libri di poesia, Marie Donna Lancaster, Americanata, Modena, Bollettario, 1992 (in inglese e italiano) e Annia Aurelia Galeria Lumilla Augusta, Ecce femina, prefazione di Marcello Carlino, Napoli, Altri Termini, 1994.

Franco Buffoni, nato a Gallarate, (Varese), nel 1948. Vive a Roma. Esordisce con tre testi pubblicati in «Paragone-Letteratura», nel 1978. Nel quinto volume collettivo dei «Quaderni della Fenice», curati da Giovanni Raboni, esce la prima silloge “Nell'acqua degli occhi” (1979), cui seguono le raccolte “I tre desideri” (1984); “Quaranta a quindici” (1987); “Scuola d'Atene” (1991); “Pelle intrecciata di verde” (1991). Nel 2002 pubblica “Del Maestro in bottega” (Empiria, Premio Pascoli). È professore ordinario di Critica Letteraria e Letterature Comparate presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Cassino. Svolge un ruolo attivo nella promozione della giovane poesia curando i Quaderni di poesia contemporanea.

Proprio questa mattina si è riunita la giuria dei ragazzi, presso la Sala delle Assemblee Carispaq. Della giuria fanno parte: Vitale Elita (Liceo Classico Avezzano), Di Giovanni Valentina (Liceo Scientifico L'Aquila), Luigi Orlando ( Istituto Superiore omnicomprensivo, Castel di Sangro), Aternini Andrea (Ist. Professionale Agrario L'Aquila), Pietrucci Giorgia (IPSIASAR L'Aquila), Maggi Maria Paola (ITAS L'aquila), Ruggieri Paolo (Liceo Classico L'Aquila), Palmerini Francesca ( ITIS L'Aquila), Serena Astore (Liceo Scientifico Sulmona), Pacitti Claudio (ITC L'Aquila).

13/10/2006 13.21