"All’ombra di due bandiere", il libro sarà presentato venerdì

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2834

ROSETO DEGLI ABRUZZI. È la storia del Corpo Speciale dell’Esercito Italiano del Sovrano Militare Ordine di Malta che è stata raccontata in un volume dal Generale Mario Prato di Pamparato, attuale comandante del Corpo.
Una storia lunga centoventotto anni, fatta di uomini e donne che con vocazione umanitaria hanno dedicato tempo e professionalità all'opera di soccorso sanitario e spirituale dei militari impegnati nelle operazioni belliche e della popolazione civile vittima del conflitto o colpita da calamità naturali. È la storia del Corpo Speciale dell'Esercito Italiano del Sovrano Militare Ordine di Malta che è stata raccontata in un volume dal Generale Mario Prato di Pamparato, attuale comandante del Corpo.
“All'ombra di due Bandiere”, questo il titolo del libro che sarà presentato nel corso di una iniziativa pubblica venerdì 29 settembre alle ore 18.00 presso la Villa Comunale di Roseto degli Abruzzi.
«Apprezzo in modo particolare questo saggio storico sulle origini e lo sviluppo dell'attività sanitaria sotto l'insegna militense», ha scritto nella presentazione il senatore Giulio Andreotti. «Ricordo infatti con intatta ammirazione il prezioso lavoro svolto durante l'ultima guerra dai treni-ospedale del Sovrano Militare Ordine di Malta, affidati al Corpo Militare Speciale Ausiliario dell'Esercito italiano».
L'introduzione del volume è affidata al Capo di Stato Maggiore dell'Esercito, Tenente Generale Giulio Fraticelli, mentre la prefazione è firmata da Mario Rigoni Stern.
Il Corpo militare Eismom ha un distaccamento operativo di emergenza del 2° reparto in provincia di Teramo. E proprio da Teramo era partito nell'ottobre 2002 l'autocolonna diretta nel paese di S. Giuliano di Puglia, epicentro del sisma che aveva colpito Puglia e Molise. Ambulanze, apparecchiature sanitarie, medici specializzati e infermiere hanno prestato i primi soccorsi agli scolari della scuola crollata dove persero la vita 27 alunni e tre adulti.

27/09/2006 13.11