Brucellosi e rischi alimentari: esperti di 23 Paesi a Silvi Marina

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2124

SILVI. La brucellosi è una zoonosi causata da batteri. E’ presente in tutto il mondo, ma particolarmente nei paesi del Mediterraneo, in India, nei paesi mediorientali, nell’Asia centrale e in America Latina
«Mi sentivo invincibile ma una mozzarella mi ha messo fuori combattimento».
Se non fossero bastati gli allarmi e le raccomandazioni alimentari degli esperti sanitari, la frase dell'attore Alessandro Preziosi, nell'intervista pubblicata di recente da un noto mensile, costituisce più di altri un richiamo forte nei confronti dei rischi da brucellosi, la patologia di origine animale trasmissibile all'uomo attraverso alcuni tipi di alimenti.
Preziosi infatti subì un rallentamento dell'attività proprio sul set di « Elisa di Rivombrosa », la fiction che lo ha reso famoso al larghissimo pubblico, perchè si era ammalato di brucellosi o febbre maltese.
Proprio di brucellosi e dello stato della ricerca, dell'efficacia del controllo per favorire l'eradicazione della malattia negli animali, per facilitare il commercio internazionale e migliorare la sanità pubblica, sii parlerà da domani 27 settembre a venerdì 29, al Berti Hotels&Congress di Silvi Marina.
Esperti di 23 Paesi del mondo, riuniti e coordinati dall'Istituto Zooprofilattico sperimentale dell'Abruzzo e del Molise di Teramo, che è Centro di referenza nazionale per le Brucellosi, si incontrano per tre giorni al tavolo di lavoro del «COST 845 Brucellosis in animals and man».
L'iniziativa di Silvi Marina assume una particolare importanza per il ruolo svolto dall'Izsam nel campo della Sicurezza alimentare, ambito nel quale l'Istituto teramano, a livello nazionale e transfrontaliero, ha conquistato compiti e responsabilità di assoluto rilievo.
Fondato nel 1971 il COST (European Co-operation in the Field of Scientific and Technical Research) è la più antica e vasta forma di collaborazione europea nel campo della ricerca scientifica e tecnologica. È uno strumento intergovernativo deputato allo sviluppo della cooperazione europea nel campo della Ricerca scientifica e tecnologica, il cui obiettivo è assicurare che l'Europa mantenga una posizione forte nel campo
della ricerca a livello europeo.
La brucellosi è una zoonosi causata da batteri appartenenti al genere Brucella. E' presente in tutto il mondo, ma particolarmente nei paesi del Mediterraneo, in India, nei paesi mediorientali, nell'Asia centrale e in America Latina. La brucellosi colpisce diversi tipi di animali, fra cui mucche, pecore, capre, cervi, maiali cani. I responsabili delle infezioni sono sei specie di batteri del genere brucella: B. melitensis, B. abortus, B.
Suis, B. Canis, B. Ovis, B. Neotomae. I primi quattro sono in grado di contagiare anche l'uomo. La malattia rappresenta un importante problema di sanità pubblica per le infezioni umane ed è causa di gravi danni economici, particolarmente nelle aree agricolo-pastorali per le infezioni negli animali da allevamento. Gli uomini possono contrarre la malattia entrando in contatto con animali o prodotti di origine animale contaminati. Quindi generalmente sono tre le vie da cui passa l'infezione: attraverso cibi o bevande contaminati, per inalazione, oppure tramite piccole ferite sulla pelle.

27/09/2006 12.02