Spoltore. Strumenti musicali antichi e costruttori d’oggi

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2088

La Casa della Cultura di Spoltore mette in mostra le musica antica. Nell'ambito delle Giornate europee del patrimonio 2006 in programma per il 23 e 24 settembre, sarà stata allestita una singolare esposizione dal titolo “Strumenti musicali antichi e costruttori d'oggi”che ripropone a curiosi e appassionati della musica antica - un genere musicale sempre più rivalutato - una rassegna di questi particolari strumenti. Si tratta di copie storiche ad opera di maestri artigiani che abitano nella provincia di Pescara e nell'area metropolitana, che hanno riprodotto fedelmente viole da gamba, violoncelli, contrabbassi e archi risalenti al medioevo, al 700' e al rinascimento. Nata dall'idea di un gruppo di musicisti esperti di musica antica, l'esposizione è stata curata dalla musicista Valentina Chiola e dalla clavicembalista Giusy De Berardinis. L'intento di questa mostra vuole essere quello di far conoscere al pubblico gli altri protagonisti del progetto di recupero e valorizzazione della musica antica: coloro che la rendono possibile attraverso la ricostruzione degli strumenti. Quelli originali sono infatti pochissimi, spesso conservati in musei e comunque non più in grado di esprimere i suoni classici. Così, i musicisti che vogliono studiare musica antica e restituirla al pubblico come patrimonio storico e culturale, possono farlo solo grazie alla competenza e alla precisione di questi artigiani. Alla mostra sarà possibile ammirare gli strumenti medievali riprodotti dall'artigiano Marco Giacintucci, le viole da gamba di Roberto Paol'Emilio, le zampogne e le ciaramelle di Roberto Cellini e le opere degli artigiani di Salle, costruttori di corde dalla tradizione centenaria.
L'inaugurazione della mostra si terrà domenica 24 settembre alle ore 17 nella cada della cultura di Spoltore. Seguirà un concerto del trio Maurizio Pratola, Luigi Tufano e Sandro Rancitelli. La mostra sarà aperta fino a domenica 1 ottobre, dalle 17 alle 20, ingresso gratuito.

21/09/2006 18.59