Torricella Peligna rende il suo tributo alla grandezza di John Fante

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2705

My father's God, Il dio di mio padre: da questo racconto di John Fante prende il titolo il festival letterario dedicato allo scrittore italo-americano che si svolgerà a partire da domani, 4 agosto 2006, a Torricella Peligna (CH), paese di origine di Nick Fante, padre di John e grande ispiratore della sua produzione letteraria.
Il festival, che si svolgerà nei giorni 4, 5, 6 e 13 agosto, prevede tavole rotonde, reading, incontri con studiosi e scrittori, presentazioni di libri, proiezioni di film, mostre e spettacoli dal vivo. Dell'itinerario del festival fanno parte, inoltre, momenti di degustazione enogastonomica e prodotti tipici della zona, stands con libri e di artigianato locale, piccole escursioni e visite alla casa Fante: il fine è anche quello di sostenere e promuovere lo sviluppo culturale e turistico dell'entroterra abruzzese, e quindi dei piccoli centri del Sangro-Aventino, situati lontani dai riflettori delle grandi città.
Per la 1° edizione del festival, che si svolge tra Torricella Peligna e la riserva naturale del Lago di Serranella, sono arrivati per la prima volta a Torricella Peligna due dei figli di Fante, Victoria e Jim.
Ad inaugurare la manifestazione, domani alle 21, una cena letteraria con l'attore abruzzese Domenico Turchi, seguita da un reading di brani di Fante che il cantautore Vinicio Capossela e il suo amico poeta Vincenzo Costantino “Cinasky” eseguiranno all'aperto nella suggestiva location della Pineta.

Sabato sera sarà trasmesso il documentario John Fante. Profilo di scrittore (2003) di Giovanna Di Lello, che comprende del materiale inedito di Fante e l'ultima intervista alla moglie.
In programma anche un convegno su Fante, con Francesco Durante (Università di Salerno), Francesco Marroni (Università “G. D'Annunzio” di Pescara) e Robert Viscusi, professore al Brooklyn College City University-New York.

Ma Il dio di mio padre è anche presentazioni di libri. Alessio Romano, giovane e brillante scrittore abruzzese, ha portato a Torricella il suo libro di esordio, Paradise for All, e poi ancora sono intervenuti lo scrittore fiorentino Emiliano Gucci con il suo Sto da cane, Marco Vichi con Donne, donne, direttamente ispirato a Bukowsky e Fante, ed infine Gianni Materazzo, romanziere originario di Torricella Peligna, che ha presentato il suo ultimo giallo Venerdì 17.

Domenica 6 sarà proiettato il film Chiedi alla polvere (2006) di Robert Towne, con Colin Farrell e Salma Hayeck, tratto dal capolavoro di John Fante.

Domenica 13, infine, ancora spettacoli dal vivo, con un adattamento del racconto L'orgia di Fante, in anteprima a Torricella Peligna, con Simone Gandolfo per la regia di Federico Cruciani.
Nei giorni del festival i visitatori potranno ammirare una mostra dell'artista Claudio Di Carlo, intitolata Omaggio a Fante, con alcuni ritratti dello scrittore italoamericano, la mostra fotografica Il paese dei Fante, e i disegni e le scenografie del giovane pittore pescarese, Christian Serafini.

Il sito ufficiale del festival, con notizie dettagliate e recapiti, è www.johnfante.org

Maria Paola Chiaverini 03/08/2006 14.30