Fara Filiorum Petri. Fine settimana lungo per la festa di Sant’Antonio e le farchie

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

37925

FARA FILIORUM PETRI. Week end lungo per la festa di Sant’Antonio, giorni di Farchie a Fara.
I giorni più importanti per la preparazione della Festa coincidono con i giorni di venerdi 13, sabato 14 e domenica 15 dal 13 gennaio. Insomma, una 72 ore di lavoro alla preparazione di questa “reliquia”, ma anche e soprattutto tradizione, folklore, cultura e tanto, tanto di più che è sempre difficile poter raccontare e parafrasare.
E' tradizione che la Festa delle Farchie sia stata originata da un miracolo per intercessione di S.Antonio al tempo dell'invasione francese del 1799, quando Fara era protetta da un grande querceto. Venendo da Bucchianico verso Guardiagrele i Francesi volevano occupare Fara ma l'apparizione di S.Antonio nelle vesti di un generale li fermò. Il santo intimò alle truppe di non oltrepassare la selva ed al loro diniego trasformò gli alberi in immense fiamme che scompigliarono i soldati.
Le farchie sono dei fasci cilindrici di canne legati con rami di salice rosso aventi generalmente un diametro di cm 70-100 ed una lunghezza di mt. 7-9. Di solito sono preparate da 16 contrade come il 16 gennaio.
I due-tre uomini più esperti si occupano della legatura del legame: momento questo che richiede forza e grande maestria perché dal modo in cui è legato il legame dipende la stabilità e la bellezza della farchia. La perfezione tecnica della farchia risiede nell’unione di più caratteristiche: la verticalità, il giusto allineamento dei nodi, l’assenza di rigonfiamenti, la grandezza, la corretta sistemazione della singola canna in modo che appaia all’occhio dell’osservatore come unica dal capo alla coda (la “cima” o "fiocco") della farchia. Quest’ultima caratteristica si ottiene apportando con canne più grandi giunture successive alla prima canna che parte dal “piticone”.
Le donne della contrada, durante la fase di preparazione, assistono gli uomini e cucinano per loro il pasto: "Lu Sant'Andone", il tutto innaffiato dal buon vino locale, molto vino.

12/01/2012 10:24