Pianella: 52 artisti espongono al nuovo Palazzo della Cultura

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1572

PIANELLA. Cinquantadue artisti, da Luigi Faccioli a Ettore le Donne a Umberto Esposti (nipote di Lucio Fontana) terranno a battesimo, attraverso le loro opere, il nuovo Palazzo della Cultura di Pianella che verrà inaugurato oggi lunedì, 2 aprile, alle ore 17.30, proprio con la Rassegna Nazionale di Arti Visive ‘Ricerche Contemporanee: Omaggio a Luigi Faccioli’, giunta all’VIII edizione.


L'allestimento e la scelta delle opere, per una mostra che ormai si è imposta all'attenzione della critica nazionale, sono stati curati dal professor Leo Strozzieri che ha diviso l'esposizione in cinque sezioni.
«Innanzitutto – ha anticipato lo stesso Strozzieri – ci sarà la Sala Omaggio a Luigi Faccioli (1929-1991), maestro veronese e protagonista dell'astrattismo italiano nel dopoguerra, crocevia delle avanguardie europee, al quale nell'anno della scomparsa (1991) venne dedicata una memorabile antologica a Palazzo Braschi a Roma».
La seconda Sala Omaggio sarà dedicata al futurista fiorentino Primo Conti (1900-1988), di cui verranno esposte opere grafiche concesse dalla Fondazione Conti di Fiesole; nella terza sezione verranno presentate opere del Movimento Iperspazialista, fondato tra Chieti, Pescara e Venezia da autori che riprendono, ampliandolo, il concetto di spazio di Lucio Fontana. Tra le altre, verranno esposte opere di Ettore Le Donne, Antonio Paciocco, Cesare Iezzi, Giuseppe Masciarelli, Fabrizio Campanella, Giovenale, Massimo Pompeo, Giovanni Boldrini, Isabella Ciaffi, Luisa Bergamini, Cristiana Fioretti, Angelo Manca, Gian Battista Morana, Renato Spagnoli, Maria Pia Daidone, Anna Donati, Nabil, Monica Pennazzi, Andrea Damiani, Alessandro Perinelli ed Esposti (nipote di Fontana).
La quarta Sezione sarà riservata ad artisti italiani (tra cui maestri del livello di Barisani, Bentivoglio, Binga, Carboni, Di Ruggiero, Marazzi, Pace, Palumbo e Sirello), e, a chiudere, la quinta Sezione, denominata “Radici”, aperta a pittori, scultori e grafici nati o residenti in provincia di Pescara, tra i quali, una giuria ad hoc, segnalerà tre nominativi che avranno diritto ad esporre le proprie opere nella Sezione “artisti italiani” in occasione della nona edizione della Rassegna.
«L'iniziativa culturale – ha ricordato il sindaco, Giorgio D'Ambrosio – rappresenta anche un arricchimento artistico per la nostra città e rientra in un progetto museale: ogni anno, in occasione di ciascuna esposizione, attraverso acquisizioni a prezzo simbolico o donazioni, abbiamo potenziato il patrimonio del Comune che oggi conta ben 200 opere d'arte che verranno esposte in modo permanente nel Palazzo della Cultura. E quest'anno, al termine della rassegna, tra i dipinti che verranno donati al Comune, ci sarà anche una creazione di Luigi Faccioli».
La mostra resterà aperta al pubblico, con ingresso libero, sino al 22 aprile.
Alla cerimonia di inaugurazione, intanto, saranno presenti, oltre al sindaco di Pianella, l'onorevole Giorgio D'Ambrosio, e alla giunta e al consiglio comunale al gran completo, anche il vicepresidente della Camera dei Deputati, l'onorevole Castagnetti, e l'assessore regionale alla cultura Betti Mura.
Il cerimoniale si aprirà alle 17.30 con l'accoglienza degli ospiti presso il Palazzo comunale e, dopo i saluti delle autorità, il professor Leo Strozzieri presenterà la mostra dell'VIII Rassegna Nazionale di Arti Visive. La prima parte della cerimonia si chiuderà con il saluto dell'onorevole Castagnetti.
Subito dopo ci si sposterà presso il Palazzo della Cultura per l'inaugurazione ufficiale, con la benedizione del parroco e il classico taglio del nastro, seguito dalla visita alle sale espositive.
Alcuni anni fa il Comune ha rilevato la proprietà del manufatto, cominciando il suo restauro, oggi completato tranne qualche piccolo intervento ancora in corso al pianterreno. E, nell'intervento di restauro, sono state recuperate tutte le tracce originarie dell'architettura del fabbricato, come i balconi in ferro battuto, uno stemma di famiglia (un guerriero rinascimentale adagiato) e le volte a crociera.
02/04/2007 9.37