I Talami riscoperti grazie ad una scrittrice inglese di 100 anni fa

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1464

ORSOGNA. Avranno un sapore antico e parleranno... inglese i Talami che sfileranno il prossimo 9 aprile, lunedì di Pasqua, a Orsogna (Chieti): la secolare festa dei quadri biblici viventi si ispirerà al viaggio compiuto esattamente cento anni fa, nel 1907, dalla scrittrice inglese Anne Macdonell che ne parlò nel libro «In the Abruzzi», pubblicato l'anno successivo dalle case editrici Chatto & Windus di Londra e F.A. Stokes Company di New York.
Del volume si parlerà sabato prossimo, 24 marzo, in un convegno nel Teatro comunale "De Nardis" di Orsogna (ore 10.30).
La Macdonell – accompagnata dalla pittrice americana Amy Atkinson – giunse in Abruzzo sulle tracce di altri viaggiatori inglesi, in particolare di Keppel Kraven e di Edward Lear, che avevano illustrato e descritto la regione.
Si fermò a Orsogna, osservò quella festa religiosa in onore di «Our Lady of Refuge» (Nostra Signora del Rifugio), chiaramente contaminata dai riti pagani propiziatori del mondo contadino dedicati a Cerere, dea delle messi. In quelle pagine narrò «the talami», che chiamò «tableaux vivants», quadri viventi.
«The tableaux – scrisse la Macdonell – are crude, and sometimes grotesque, but now and then forceful and original, and owe more to tradition and less to a taste deteriorated by bad chromo-lithography than one might suppose » (I tableaux – ha tradotto Ilio Di Iorio nella versione italiana pubblicata nel 2004 da Adelmo Polla Editore – sono rozzi e talvolta grotteschi, ma pieni di forza e di originalità e devono più alla tradizione e meno al gusto deteriorato di cattive litografie di quanto si possa immaginare).
Il Comune e l'Associazione culturale Talami Orsogna hanno riscoperto questa testimonianza e hanno deciso di avviare, già nell'edizione di quest'anno della festa, un'azione di recupero di alcuni degli aspetti tipici e più suggestivi dei Talami, come narrati dalla Macdonell, e che sono andati perdendosi nel tempo.
I quadri viventi, con dietro uno scenario affrescato e sopra giovani attori che interpretano episodi tratti dalla Bibbia, erano «portati a spalla da uomini che indossano l'abito lungo e sciolto delle loro confraternite»; l'incedere «necessariamente lento» della processione per «concedere il tempo per la devozione, per l'ammirazione e per i canti»; i personaggi di contorno che lanciavano «a piene mani spighe di grano tra la gente» e il «selvaggio parapiglia» che ne seguiva per impossessarsi di «queste sacre spighe, che portano fortuna a tutti e che le madri ritengono essere particolarmente efficaci nella cura di certe malattie dei bambini».
Una prima riflessione sul «piccolo mondo antico» custodito nelle pagine della scrittrice inglese si terrà sabato prossimo, alle 10.30 presso il Teatro «Camillo De Nardis» di Orsogna, nel convegno dal titolo «I Talami nella testimonianza di Anne Macdonell a cento anni dal suo viaggio in Abruzzo: tra folclore e religiosità popolare». A parlarne con i cittadini e gli studenti dell'Istituto comprensivo saranno, tra gli altri, gli antropologi Emiliano e Lia Giancristofaro e Antonio Bini, docente di Sociologia del turismo all'Università di Teramo.

22/03/2007 10.34