A Pratola Peligna l'arte dei Campus in mostra a Palazzo Colella

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2337

PRATOLA PELIGNA – E’ stata inaugurata sabato pomeriggio nel palazzo Colella, la mostra di pittura ‘I Campus’; due generazioni a confronto raccontata da Manuel Campus, artista di fama internazionale e dai suoi due figli Matteo e Mario. L’evento, patrocinato dal Comune di Pratola Peligna e dal Ministero dei beni e le attività culturali, avrà ben tre vernissage; quello di Matteo Campus di sabato scorso e quello di Mario Campus il 24 marzo e quello di Campus padre il 31 marzo.
In entrambe i casi ad intervenire come curatore dell'intera rassegna sarà Roberto Franco, storico dell'arte nonchè responsabile della Taverna Ducale di Popoli, sede distaccata della Sovrintendenza Psae dell'Aquila.
A poche ore dal taglio del nastro Roberto Franco ha espresso alcune considerazioni sul grande evento che animerà la città peligna.
«I Campus, una tradizione artistica che, nel variegato mondo dell'immagine, unisce forme pittoriche apparentemente diverse e lontane», ha detto Franco, «i tre artisti, infatti, sono uniti da un filo rosso che si scopre nell'osservare attentamente i colori, escludendo per un attimo il tema pittorico. Il loro - prosegue Roberto Franco - è un colore che non trasmette solo la sensazione del bello artistico, ma è un colore che, nello stesso istante, diventa realtà».
Nel dare giudizi sui tre artisti Roberto Franco scrive sul catalogo della mostra: «Matteo nelle sue immagini trasforma in realtà un mondo che appartiene all'io di ognuno; le sue figure s'intrecciano in una dimensione pittorica riconducibile all'espressione cubista. Mario è, invece, il pittore del colore esoterico che si irradia attraverso l'utilizzo di linee e segni che trasmettono sensazioni discrepanti: forti, delicate, vere, false, positive e negative.
Parlare di Manuel Campus - prosegue Roberto Franco - è completamente
diverso: facile è allo stesso tempo difficile. Facile perchè si hanno gli stimoli che un grande maestro riesce a dare, difficile perchè non sempre è facile ad esprimere le sensazioni che riesce a comunicare.
La sua è una pittura dei grandi temi, la quale appartiene davvero a tutti».

Ivan D'Alberto 19/03/2007 8.54