Lo Cicero, il campione del rugby, si racconta in un libro

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2081

L'AQUILA. «Andrea Lo Cicero è un pilone dentro e fuori il campo».
Con queste parole Paolo Cecinelli, giornalista di La7 definisce il rugbista italiano, giocatore e uomo, che ieri ha presentato in anteprima nazionale all'Aquila la sua autobiografia dal titolo “Il Barone, un'autobiografia”.
È la prima volta che un giocatore italiano di Rugby decide di raccontarsi in un libro, chiaro segnale che ormai il Rugby sta trovando una sua dimensione che va oltre l'evento sportivo in sé. Cecinelli (coautore del libro) ha raccontato i primi trenta anni di vita del rugbista più rappresentativo della Nazionale italiana, ora giocatore nell'Infinito L'Aquila Rugby.
Il Barone, titolo nobiliare che è diventato ben presto soprannome e nome di battaglia, è un predestinato, concentrato puro di potenza e agilità che già dall'adolescenza gli hanno permesso di primeggiare nel canottaggio e, molto presto, anche nel rugby. Una carriera straordinaria che ha permesso al pilone siciliano di viaggiare, confrontarsi con i migliori atleti del mondo, essere selezionato nelle rappresentative più prestigiose e, soprattutto, di vestire per 50 volte la maglia azzurra della nazionale, di cui incarna lo spirito indomito e combattivo.
Il libro ripercorre la vita di Lo Cicero: dall'infanzia a Catania alla convocazione con i Barbarians passando per lo scudetto con la Rugby Roma; dalla gioia per il trasferimento in Francia alla profonda crisi che ne è scaturita, fino alla rinascita.
Sono tante le motivazioni che hanno indotto il giocatore a scegliere L'Aquila come prima tappa per la presentazione del suo libro: «L'Aquila è una città genuina – ha detto - ci sono particolarmente legato perchè mi ha dato tanto sia a livello professionale che personale. E poi qui c'è una squadra storica, come ce ne sono poche a livello nazionale».
Lo Cicero ha poi smentito le voci che lo vorrebbero presto a giocare in Francia, «mi trovo bene all'Aquila – ha affermato – ma comunque aspiro ad un campionato di alto livello».
M.I. 15/02/2007 9.35