Tribunale di Vasto, dal Governo via libera a nuovi dipendenti

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1547

VASTO – Il sindaco della città adriatica, Luciano Lapenna, e il presidente del consiglio dell’Ordine degli Avvocati, hanno partecipato ad un incontro, nella Capitale, con il sottosegretario del dicastero di Grazia e Giustizia, Alberto Maritati, nel tentativo di tutelare il futuro del Tribunale di Vasto.
Gli uffici giudiziari di Vasto, ha assicurato il rappresentate del Governo, avranno l'auspicato ed atteso adeguamento dell'organico. Pare infatti che presto sarà inviato presso la sede del tribunale un nuovo magistrato, un primo segnale positivo dopo i recenti trasferimenti verso altri uffici di ben due giudici. Il sottosegretario ha inoltre rassicurato il primo cittadino di Vasto che è intenzione dell'attuale ministro Mastella conservare e addirittura potenziare i locali uffici giudiziari. Anche recentemente si sono registrate difficoltà operative, imputabili proprio ad una carenza di organico intervenuta dopo il trasferimento verso altre destinazioni di alcuni magistrati. A fronte della diminuzione delle risorse umane impiegate, non vi è stato un alleggerimento della mole di lavoro, anzi, proprio per le sopravvenute assenze, gli uffici sono stati oberati più del normale. Segnalazioni in merito erano arrivate già dal Presidente del tribunale, il quale ha parlato più volte e in diverse sedi “della diminuzione di una unità operata all'epoca dell'accorpamento tra Pretura e Tribunale, della necessità di aumento dell'organico attestata e riconosciuta con la richiesta dei Ministro di Grazia e Giustizia nel lontano novembre 1994: del raddoppio dei carichi di lavoro determinatosi nelle more e del costante aumento degli stessi”. Analogamente il Presidente della Corte di Appello aveva sottolineato che il tribunale di Vasto risulta essere “certamente sottodimensionato rispetto al suo carico di lavoro” e che “sono necessari i provvedimenti di copertura dei posti vacanti e di attribuzione di un nuovo posto di giudice per rendere adeguatamente funzionale la struttura”.

Francesco Bottone 22/01/2007 8.52