Chiude il Laboratorio di musica antica

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

922

PESCARA. Una grande festa per chiudere la terza edizione del Laboratorio di musica antica del Conservatorio “Luisa d'Annunzio” di Pescara. L'appuntamento è fissato per martedì prossimo, 31 ottobre, dalle 10 alle 18 nell'aula 4 di Palazzo Mezzopreti, sede della storica scuola musicale cittadina. L'evento è organizzato da Massimo Salcito, docente di clavicembalo e promotore del corso: sarà l'occasione per tracciare un bilancio delle attività svolte quest'anno dagli allievi, ma anche per spiegare le motivazioni dell'interruzione del Laboratorio, nonostante il successo che l'iniziativa ha registrato sin dal debutto, nel 2004. Dell'infelice epilogo del suo Laboratorio Salcito non è affatto contento, ed esprimerà tutta la sua amarezza nel corso di una conferenza stampa in programma alle 12,15. Senza mezzi termini, naturalmente, come è nel suo stile. Del resto, il “vulcanico” musicista ha già dimostrato la sua caparbietà nella crociata contro la localizzazione della Caserma della Guardia di Finanza sulla strada parco, essendo stato tra i promotori della petizione presentata dal Conservatorio al Comune per scongiurare il progetto e tra i coordinatori del corteo di protesta. Anche sul futuro del Laboratorio, c'è da scommetterci, Salcito non si arrenderà facilmente: «E' stata una decisione ben ponderata ma sofferta - confessa - in parte legata ai soliti problemi finanziari di chi vuole fare cultura a Pescara, in parte dovuta alle scelte programmatiche del “d'Annunzio”. Occorre ora una pausa di riflessione, rigeneratrice. Servirà a studiare come fare meglio, e se possibile di più».

30/10/2006 8.41