L’Aquila. Una targa al poeta palestinese Mahmud Darwish

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1727

L'AQUILA. «A Mahmud Darwish per la sua poesia che sveglia le coscienze sopite e alimenta vero amore patrio».
Questa la targa che la presidente della Provincia, Stefania Pezzopane, ha consegnato al poeta palestinese, ricevuto stamani nella sede della Provincia dell'Aquila, dopo la visita a Palazzo Margherita.
All'incontro erano presenti il vice presidente della Provincia, Oreste Cambise, gli assessori Pio Alleva e Michele Fina e alcuni consiglieri provinciali.
«Sono rimasta colpita da alcune affermazioni di Darwish, fatte ieri in conferenza stampa- ha affermato la presidente Pezzopane- In particolare dal fatto che egli considera il Premio Laudomia Bonanni un riconoscimento al popolo palestinese e alla sua creatività. Condiviso pienamente le sue parole, perché con il premio intitolato a Laudomia Bonanni ci sforziamo ogni anno di riconoscere le altre culture, attraverso nomi di prestigio».
La presidente della Provincia ha consegnato anche un segnalibro con il simbolo di Collemaggio e ha chiesto poi al poeta di firmare il libro degli ospiti della Provincia, in cui, ha ricordato, è inserita anche la firma dell'ambasciatore palestinese Sabri Atehye, già ricevuto dalla Provincia, ospite sabato sera nel corso della cerimonia di premiazione.
«Sono onorato di visitare la sede della Provincia- ha scritto Mahmud Darwish nel libro degli ospiti- in questa città prestigiosa, in cui ho toccato con mano la profonda solidarietà verso il popolo palestinese, in nome della libertà, della giustizia, dell'indipendenza e della pace. Mi sento fiero perché la letteratura in genere, e la poesia in particolare, possono costruire i ponti per la comprensione tra tutti. Spero che le condizioni storiche che acuiscono le sofferenze del mio popolo possano finire. Solo allora la poesia potrà celebrare meglio la natura e la bellezza dell'amore».

21/10/2006 8.41