L'arte di Fernando Di Nicola in mostra a Penne

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3412

Sabato 5 agosto, alle ore 18.30, sarà inaugurata a Penne la Mostra antologica di Fernando Di Nicola nei locali del Palazzo Aliprandi – de Sterclich, in Corso Martiri Pennesi, civico 6.
La mostra, organizzata dalla Fondazione Nazareno Fonticoli, con il patrocinio della Presidenza del Consiglio Regionale d'Abruzzo, della Provincia di Pescara, del Comune di Penne, rimarrà aperta fino al 18 agosto.
Renderanno omaggio all'illustre artista vestino tanti critici di fama internazionale: Leo Strozzieri, Giuseppe Rosato, Gian Carlo Bojani, Gian Mario Sgattoni, Antonio Gasbarrini.
L'antologica, sostenuta dal Presidente della Fondazione Fonticoli, Lucio Marcotullio, vuol rendere omaggio alle molteplici espressioni artistiche del maestro Di Nicola.
Cinquanta opere in esposizione per tracciare i percorsi artistici di un grande protagonista dell'arte contemporanea e per celebrare un'intensa attività di oltre 50 anni.
«Con questa mostra Fernando Di Nicola», spiegano gli organizzatori, «fa apprezzare le caratteristiche di un'arte poliedrica e multiforme, densa di quello sperimentalismo che porta ad ardite convivenze di linguaggi e avvia a coraggiose rotture di schemi e confini.
Arte e artigianato, decorazione e pittura, costituiscono un tutt'uno nella poetica dell'artista. Il filo che si fa parola, il tessuto che diventa linguaggio complesso e ricercato. Le ceramiche, gli arazzi, le tele, le serigrafie dell'artista sono fatte tutte di un preziosissimo tessuto, di trama e ordito vibranti e pieni di calore. Un linguaggio, il suo, fatto di fili che seducono e attanagliano lo sguardo. Sedurre, condurre a sé. Le cinquanta opere presenti tra ceramiche, tele tessute, serigrafie, riescono a coinvolgere chi guarda in maniera profonda. Sembra di finire dentro le trame dei lavori e di cogliere il momento più altamente creativo: la nascita di una nuova estetica, di un nuovo linguaggio».

Fernando Di Nicola nasce a Penne (PE), dove tuttora risiede, nel 1933. Dopo aver frequentato l'Istituto d'Arte nel luogo nativo, studia e si diploma presso il Liceo Artistico di Pescara. Professore di “Progettazione tessuto, merletto e ricamo” all'Istituto statale d'arte di Isernia e di Penne, si dedica con ardore ad un'opera di rivalutazione della tradizione pennese con recupero di antichi canoni. La sua prima mostra è del 1955. Nel 1958, fonda un sodalizio artistico di grande valore con Giuseppe D'Addazio e Nicola Tonelli, Ferroarte. All'inizio degli anni '60 tiene a battesimo l'Arazzeria pennese. Ha esposto nelle principali città italiane, negli Stati Uniti, in Australia, in Romania.
Ha partecipato, nel 2005, alla mostra “Proposte” presso la Biblioteca Turgenev di Mosca. Tante le collaborazioni artistiche con i maestri dell'arte contemporanea: da Afro a Cascella, da Accatino a Primo Conti, da Avenali a Capogrossi.

31/07/2006 14.55