"CulturAbruzzo": da Gabriele d’Annunzio a Corradino D’Ascanio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8511




PESCARA. A Pescara due giorni di convegni per celebrare i “figli illustri” d'Abruzzo.
Dopo l'astrofisica Margherita Hack e l'astronauta Umberto Guidoni, questa volta sarà Giuseppe Bianco, dirigente del Centro di “Geodesia Spaziale” di Matera, l'ospite d'onore di “CulturAbruzzo”, la due giorni di convegni scientifici, organizzati dal Liceo statale “G. Marconi” di Pescara, in programma giovedì e venerdì (29-30 aprile), nei locali dell'Auditorium De Cecco a Pescara.
Due giorni all'insegna della divulgazione della cultura scientifica, organizzata al fine di stimolare i giovani a conoscere l'Abruzzo per meglio apprezzare gli elementi della sua storia, la sua arte e i suoi “figli” più illustri, che l'istituto pescarese ha organizzato in collaborazione con l'Università “G. d'Annunzio” e con la Soprintendenza archivistica d'Abruzzo. Nel corso del convegno, saranno premiati i lavori degli studenti pescaresi, che si sono cimentati nel concorso.
Diversi i temi approfonditi dagli studenti: dall'area umanistica, con riferimento a d'Annunzio “L'Ulisside: memento audere semper”, fino alla storia di un altro abruzzese illustre, Corradino D'Ascanio, dall'elicottero alla vespa. Tanti infine anche gli elaborati scientifici, incentrati sulla qualità di vita e la tutela ambientale.
A giudicare i lavori degli alunni, un comitato scientifico illustre, composto tra gli altri dall'astrofisica Margherita Hack e dal premio Nobel per la Pace, Filippo Giorgi, (dirigente dell'“International Center for Theoretical Phisics Integovernmental Panel on climate change).
Il convegno sarà aperto dall'intervento del professore Giuseppe Bianco, che esporrà una relazione su “la Terra vista e misurata dallo Spazio”.
A seguire Stefano Trinchese, preside della Facoltà di Lettere e filosofia dell'Università di Chieti, che parlerà della “Storia dell'Italia fra idea di Nazione ed Europa nel periodo dannunziano”. Chiude il convegno la relazione di Iolanda D'Incecco (ministero Beni culturali, Soprintendenza archivistica d'Abruzzo), che approfondirà il tema “Corradino D'Ascanio, un geniale abruzzese del Novecento”.

29/04/2010 7.30