Museo geopaleontologico di Palena: sabato presentazione della guida

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8185




PALENA. Sabato 5 dicembre alla 11 al Castello Ducale di Palena presentazione della “Guida al Museo Geopalontologico” a cura di Silvano Agostini e Maria Adelaide Rossi, geologi della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Abruzzo.
La guida è già stata presentata alla Provincia di Chieti alla presenza di Andrea Pessina, Soprintendente Archeologico dell'Abruzzo; Remo Di Martino,Assessore alla Cultura della provincia di Chieti; Domenico Parente,Sindaco di Palena; Francesco Stoppa, Direttore del Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università “G.D'Annunzio”.
Il Museo Geopaleontologico Alto Aventino, con sede nella splendida cornice del Castello
Ducale di Palena, è stato aperto per la prima volta al pubblico nel 2001 e rinnovato negli
spazi espositivi ed in parte degli allestimenti nel 2007, a seguito di un più ampio progetto
di recupero del Castello medesimo, effettuato con finanziamenti regionali.
La nascita del museo è frutto di un accordo di programma tra la Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Abruzzo, la Provincia di Chieti, il Comune di Palena e l'Associazione Culturale Majella Madre; con l'obiettivo scientifico prioritario di valorizzare i reperti paleontologici provenienti dal territorio di Palena e dall'area dell'Alto Aventino.
Nel territorio di Palena, infatti, presso Capo di Fiume, affiora una successione litostratigrafica di estrema importanza scientifica, per la presenza – pressoché unica in tutto l'Appennino centrale – di livelli datati al Miocene superiore, contenenti ricche associazioni fossilifere di facies continentali e di ambienti di laguna (pesci, molluschi, crostacei e lo scheletro del “Prolagus” un piccolo mammifero oggi estinto, perfettamente conservato nella roccia). Il nucleo centrale dell'esposizione museale è rappresentato dalla “Collezione Di Carlo”, per gran parte recuperata proprio in località Capo di Fiume, ai piedi del Monte Porrara, durante i lavori di scavo di una galleria per la captazione della falda di base del Fiume Aventino.

03/12/2009 14.56