Mostra fotografica su Berlinguer. ‘La vita, la politica, l’etica’

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

13555


PESCARA. In occasione del 25° anno della scomparsa e alla presenza di alcuni familiari di Berlinguer, sabato 28 novembre 2009 alle ore 10.30 presso l'ex Aurum di Pescara sarà inaugurata la mostra fotografica “Enrico Berlinguer. La vita, la politica, l'etica”.
Organizzata dall'associazione culturale Dagli Appennini alle Onde di Pescara, in collaborazione con l'associazione “Nessun Dorma” di Pescara la mostra resterà in allestimento fino al prossimo 6 gennaio 2010.
La manifestazione ha ottenuto l'adesione del presidente della Repubblica mediante la consegna di una targa premio dedicata, nonché il patrocinio della presidenza del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati.
Si articola in sette parti/sezioni: 1. Dall'infanzia alla scelta politica; 2. Dirigente del movimento giovanile; 3. Il Partito e la vita politica nazionale; 4. Berlinguer e i personaggi; 5. Alcuni momenti; 6. La politica europea e internazionale; 7. La scomparsa.
Durante il periodo di svolgimento saranno previsti incontri pubblici su alcune tematiche della politica berlingueriana che abbiano ancora una loro attinenza con la realtà odierna, presentazioni di libri, proiezioni di filmati.
Tra i vari appuntamenti, mercoledì 9 dicembre si discuterà di questione morale. All'incontro parteciperanno, tra gli altri, il presidente del Consiglio Regionale Nazario Pagano, il deputato abruzzese del Partito Democratico Giovanni Lolli ed il consigliere regionale di Rifondazione Comunista Maurizio Acerbo.
«L'idea di riproporre oggi questa mostra fotografica allestita nel 1989 e successivamente portata in esposizione in diverse regioni d'Italia – afferma Giorgio Masciovecchio, presidente dell'associazione - nasce dalla consapevolezza di una duplice mancanza. Un'assenza fisica e soprattutto etica. Inquadrata in un nuovo titolo ed arricchita da un collaterale e variegato calendario di iniziative che ne sorregge e impreziosisce l'impianto iconografico, ci restituisce il ritratto compiuto di un uomo che per milioni di italiani, e non solo, ha rappresentato uno straordinario esempio di rettitudine, di leader integro e leale. Una persona semplicemente per bene, al di là degli schieramenti di parte».

24/11/2009 9.04