Al via la mostra Gemine Muse 2009 "Farenheit 451"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8053


TERAMO. Da sabato 24 ottobre, la Biblioteca Dèlfico ospita le opere di cinque artisti abruzzesi
Sarà inaugurata sabato 24 ottobre, alle ore 18, nella sede della biblioteca provinciale “Melchiorre Dèlfico”, la mostra Farenheit 451 promossa dall'Assessorato alla Cultura della Provincia nell'ambito dell'edizione 2008/2009 della rassegna nazionale Gemine Muse.
Inizialmente programmata a giugno e poi rinviata a seguito del sisma che ha colpito l'Abruzzo, l'esposizione Farenheit 451 è curata da Francesca Referza e riunisce le opere di cinque giovani artisti che risiedono o lavorano nel territorio abruzzese, tutti “under 35”: Marco Antonecchia (Campobasso, 1976), Ercole Coruzzi (Teramo, 1977), Fabio Di Lizio (Ortona, 1976), Alessandro Gabini (Pescara, 1976) e Alessio Rota (Giulianova, 1982). Partendo dal romanzo di fantascienza di Ray Bradbury e dall'omonimo film di François Truffaut, i cinque artisti hanno realizzato opere pensate in stretta relazione con gli spazi della biblioteca.
La rassegna Gemine Muse è inserita nel più ampio progetto di respiro nazionale Italia Creativa, promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù – in collaborazione con l'Anci (Associazione Nazionale dei Comuni Italiani ed il GAI (Associazione per il Circuito dei Giovani Artisti Italiani). Teramo è l'unica città in Abruzzo ad ospitare Gemine Muse, che ha coinvolto quest'anno altre 21 città italiane aderenti al circuito GAI.
«Con questa iniziativa confermiamo il pieno sostegno della Provincia – dichiara l'assessore alla Cultura, Giuseppe Di Michele – ai talenti, e sono davvero tanti, che il nostro territorio esprime. Sarà un'occasione per sottolineare l'attenzione nei confronti dei giovani artisti e dell'arte contemporanea e, inoltre, per valorizzare la prestigiosa sede della biblioteca e il suo ruolo fondamentale per la promozione della cultura nel nostro territorio».