Dopo 40 anni la madonna della Pietà torna nella sua parrocchia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

10866




PENNE. Martedì 15 settembre, in processione, la statua della Madonna della Pietà tornerà a essere venerata nella chiesa di San Massimiliano Kolbe, in via Nazareno Fonticoli, a Penne.
L'evento è molto atteso nella comunità religiosa pennese poiché la Madonna della Pietà conta molti devoti non solo nel centro vestino.
L'ultima processione si è svolta oltre quarant'anni fa. Attualmente, l'antica statua è custodita nella chiesa del Carmine ma, a causa del terremoto, l'edificio è stato chiuso perché è inagibile.
Anche per questo motivo, i fedeli, che si sono costituiti in comitato, hanno deciso di riportare nell'originaria parrocchia di San Massimiliano Kolbe la statua della Madonna della Pietà.
La statua, portata a spalla dai parrocchiani, lascerà la chiesa del Carmine alle ore 17.
La processione si dirigerà verso la circonvallazione Aldo Moro e imboccherà via Domenico De Caesaris, via Mario dei Fiori, via San Panfilo, via Sant'Agostino, via Roma, piazza Purgatorio, Corso Alessandrini, largo San Francesco, viale San Francesco, via Guido Rossa, via Nazareno Fonticoli e, infine, ci sarà l'ingresso nella chiesa di San Massimiliano Kolbe.
Alle 18,30, ci sarà la relazione dello storico Candido Greco sull'origine della statua della Beata Vergine; seguirà la Santa messa celebrata da don Venanzio Marrone. La funzione religiosa si terrà al piano terra della nuova chiesa.
«In attesa che la nuova chiesa venga ultimata», spiega il parroco don Venanzio Marrone, «la statua della Madonna della Pietà verrà sistemata provvisoriamente nella piccola chiesetta. Nei primi giorni di dicembre la trasferiremo nella nuova chiesa». L'edificio di culto è quasi ultimato.
La parrocchia di San Massimiliano Kolbe, che conta oltre duemila fedeli, si è mobilitata per l'evento religioso che non sarà proprio una festa.
«Trattandosi del rientro della statua nella chiesa originaria, che rappresenta un fatto storico per la città, abbiamo optato solo per celebrare un programma religioso», sostiene il parroco don Marrone.
Alla solenne processione parteciperanno l'Arcivescovo Tommaso Valentinetti, il sindaco di Penne Donato Di Marcoberardino e la giunta comunale, considerata l'importanza che l'evento ricopre nella comunità pennese. Dagli inizi degli anni Ottanta, la Madonna (una conocchia con il Cristo in legno del 1700) ha un abito nuovo (con i vecchi ricami in oro) rifatto a spese delle devote Emilia Cretara e Paolina Rivelli.

08/09/2009 11.20