Inaugurata ieri la mostra "Da De Chirico a Fontana"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8453



TERAMO. Inaugurata ieri la mostra da “Da De Chirico a Fontana” alla Pinacoteca Comunale.
Oltre al pubblico, ricco anche di artisti e di cultori dell'arte, tanti gli ospiti autorevoli che hanno preso parte all'evento e tante le autorità, intervenute per l'ideale taglio del nastro affidato al sindaco di Teramo, Maurizio Brucchi, tra le quali il presidente della Provincia, Valter Catarra, e il prefetto, Francesco Camerino.
Nel pomeriggio, subito prima di lasciare l'Abruzzo alla volta di Parigi, anche il presidente della Regione, Gianni Chiodi, aveva visitato la mostra, che si pone come vero e proprio “spaccato” dell'arte del ‘900.
«Si inaugura con questa mostra l'attività culturale del Comune di Teramo – ha detto il sindaco nel suo intervento – con opere importanti che fanno parte del patrimonio culturale non solo della nostra città, ma anche e soprattutto dell'umanità, visto che artisti quali De Chirico e Fontana, solo per citare i due riferimenti della mostra, si pongono come pietre miliari nella storia dell'arte. Una mostra, questa, destinata a lasciare un segno, perché è intenzione del Comune farne il momento iniziale di un più articolato viaggio nel mondo dell'arte contemporanea e non solo, facendo anche della nostra città quel contenitore colto che, già nel delineare i tratti caratterizzanti del progetto Cult, avevamo individuato».
Subito dopo, il sindaco, anche nei panni di assessore alla Cultura, ha poi assunto l'impegno di dotare, già dal prossimo evento, la Pinacoteca di un efficiente impianto di aria condizionata, necessario sia a garantire il benessere dei visitatori, sia a preservare l'integrità assoluta delle opere d'arte.
«Stiamo lavorando – ha continuato Brucchi – per elaborare a Teramo anche un “cartellone unico degli eventi”, che crediamo possa partire già dal prossimo anno e al quale vorremmo lavorare insieme alla Provincia, realizzando quella sinergia, anche in un'ottica di collaborazione con l'assessorato Regionale alla Cultura, che si pone certo come ottima opportunità di realizzare operazioni di marketing territoriale. Quello della Città della Cultura è un segno che vogliamo tracciare e lasciare».
Anche il Presidente della Provincia, Valter Catarra, ha espresso parole di elogio per la mostra: «Se il buongiorno si vede dal mattino – ha detto – posso affermare che questo è uno splendido giorno visto che la cultura è un veicolo formidabile per l'immagine del territorio e partire così bene vuol dire essere a metà dell'opera».
La mostra resterà aperta fino al 27 settembre, anche se sono già in corso contatti con i curatori e i proprietari delle opere, perché possa essere prorogata almeno fino al 4 ottobre.

02/09/2009 11.02