"Terra Madre Abruzzo": apertura a Pescara

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5309


PESCARA. Dopo l'apertura a Teramo lunedì 29 giugno, domani giovedì 2 luglio alle 18.30 si inaugura anche a Pescara la mostra “Terra madre Abruzzo”.
Il progetto espone in sette musei delle province di Teramo, Pescara e Chieti altrettante statue raffiguranti la Madonna e provenienti dal “Museo Nazionale d'Abruzzo” de L'Aquila. Musei civici, statali e fondazioni private per la prima volta interagiscono insieme: tutti esporranno le statue ad ingresso gratuito fino al 30 settembre.
«Questo progetto – dichiara Angelo Di Matteo, presidente Legambiente Abruzzo – rappresenta un segnale di speranza per uscire dall'emergenza e una forte testimonianza del ruolo dell'identità nella ricostruzione».
Domani alle 18.30 il Museo delle Genti d'Abruzzo di Pescara accoglierà la “Madonna del Latte” originariamente custodita nella chiesa di Santa Maria in Pantanis di Montereale. Dopo il saluto che i rappresentanti degli Enti e delle Istituzioni coinvolte e il sindaco di Montereale, Lucia Pandolfi, porteranno al pubblico intervenuto presso l'auditorium Petruzzi, avrà luogo una vera e propria processione lungo via delle Caserme per accompagnare la statua nei locali del Museo delle Genti d'Abruzzo, insieme alla banda municipale e al “Comitato Feste in onore della Madonna in Pantanis”.
Ogni anno, infatti, la sacra immagine viene temporaneamente riconsegnata ai devoti dalla Soprintendenza del Museo aquilano, per celebrare i festeggiamenti per l'Assunzione di Maria al cielo il 14 e 15 agosto; domani sera questo rito verrà rinnovato con la partecipazione di numerosi pellegrini provenienti dal territorio montano che, gemellandosi con il museo pescarese, offriranno i loro dolci tipici.
Durante la cerimonia l'attrice Franca Minnucci leggerà l'”Inno alla Vergine” dal Paradiso di Dante e sarà seguita da una selezione di brani del gruppo di ricerca musicale dei DisCanto.
Per l'ideazione della manifestazione, così come per l'elaborazione dei pannelli didattici della mostra, il Museo si è avvalso della consulenza etnografica di Adriana Gandolfi, dell'Agenzia Promozione Culturale di Pescara, referente per l'Abruzzo della Simbdea.
Dopo aver accompagnato la statua della Madonna del Latte al Museo delle Genti, ci si sposterà presso il museo Casa natale di Gabiele d'Annunzio, dove sarà esposta la Madonna Adorante proveniente dalla parrocchia di Atessa e custodita nel Museo Nazionale: una statua in legno policromo e dorato risalente alla prima metà del XV secolo e alta 95 cm e originariamente parte di un presepio smembrato.
Fino al 18 luglio altri quattro musei si apriranno alle statue a Chieti, San Buono e Francavilla al mare.

01/07/2009 16.57