Un anno dopo: dal Museo del Maiale a Porcolandia

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3834

Un anno dopo: dal Museo del Maiale a Porcolandia

CARPINETO SINELLO. Il museo di Carpineto Sinello festeggia sabato 21 Febbraio il suo primo compleanno con un Convegno dedicato al lavoro di ricerca di Lia Giancristofaro e con l'inaugurazione di un Laboratorio per la lavorazione delle carni
Il primo e unico museo al mondo dedicato al maiale compie il suo primo anno di vita e lo fa con entusiasmo, gioia e consapevolezza di essere ormai una realtà importante per il piccolo paese abruzzese che lo ospita, Carpineto Sinello (Chieti), e per il territorio in cui si trova.
Il museo è stato inaugurato il 2 febbraio 2008 e nel corso di questo primo anno ha registrato oltre 9.000 visitatori; ha ricevuto riconoscimenti e raccolto 280 recensioni giornalistiche, non solo in Italia ma anche all'estero; sono poi oltre un migliaio le segnalazioni sul web.
Un successo mediatico e di pubblico che obbligherà però ad una riflessione che travalica i confini del borgo per diventare questione aperta per tutto il comprensorio del Vastese: esiste oggi un turismo in quest'area dell'Abruzzo Citeriore? Quali sono le sue caratteristiche? Qual e' la ricaduta economica sul territorio di prodotti gastronomici come la ventricina? Perché non investire risorse pubbliche in forme di artigianato a gestione familiare che già in questi anni hanno dato vita ad una nuova imprenditoria?
A questi interrogativi cercherà di rispondere la Tavola Rotonda che si svolgerà a Carpineto Sinello Sabato 21 Febbraio sul tema "Porcolandia: un parco tematico per l'area del Vastese".
Spunto per la discussione sarà la presentazione del volume "Porcolandia. Carpineto Sinello e il Museo del Maiale", di Lia Giancristofaro, etnologa e docente presso l'Università degli Studi "G. D'Annunzio" di Chieti.
All'incontro insieme all'autrice e al sindaco, Giustino Bologna, interverranno: Costantino Felice, docente di Storia Economica e Innovazioni Tecnologiche - Università "G.D'Annunzio" Chieti; Everardo Minardi, direttore Dipartimento Teorie e Politiche dello Sviluppo - Università di Teramo; Walter Rossi, poeta fiorentino di origini carpinetane; Giovanni Tavano, amministratore delegato Carsa Edizioni; mentre concluderanno i lavori l'Assessore Cultura e Turismo - Regione Abruzzo, Mauro Di Dalmazio, e l'Assessore alle Politiche Agricole e Sviluppo Rurale - Regione Abruzzo, Mauro Febbo.
Una giornata di studio per capire come realizzare a partire da questo piccolo borgo abruzzese il primo esperimento di "parco tematico" sul maiale.
La mission del "parco tematico porcolandia" è quella di essere strumento di sensibilizzazione, divulgazione didattica e comunicazione, con particolare attenzione alle scuole, nonché, di ricerca, conoscenza e divulgazione delle tradizioni popolari e della storia culturale del Vastese.
Nel corso della giornata/evento sarà inoltre presentato e inaugurato anche il nuovo "laboratorio per la lavorazione delle carni", utile per insegnare tecniche e segreti di antichi mestieri e ancora, ci si potrà immergere all'interno "dell'area espositiva", sempre più ampia e costruita intorno al concetto di Edutainment ("educare-divertendo"), per rendere suggestiva e fortemente esperienziale la visita.
Ma la giornata riserverà altre sorprese: in programma la terza edizione di: "S'ho 'ccise lu porce…", itinerario gastronomico attraverso i borghi di Carpineto alla riscoperta dei piatti caratteristici del rito dell'uccisione del maiale: cif e ciaf, scannatura, sfrivole e pipune, cotiche e faciule, etc… (E' previsto un biglietto di 5 Euro).

20/02/2009 9.11

(Foto: Barbara Marchesi)