Venerdì a San Martino sulla Marrucina la tradizione dei "Santi Sposi"

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2777

SAN MARTINO SULLA MARRUCINA.Una vera e propria festa di nozze caratterizza una delle tradizioni più sentite dalla comunità di San Martino sulla Marrucina: a “sposarsi”, ogni anno, sono la statua di San Giuseppe e quella della Vergine Maria, che santificano la loro unione ai piedi dell'altare e benedicono così tutte le nozze celebrate in paese e tutte le coppie di coniugi.
Viene da molto lontano la tradizione dei “Santi Sposi”, che la Chiesa un tempo celebrava il 23 gennaio di ogni anno, data tradizionale dello sposalizio di Maria e Giuseppe a Nazaret, ma che oggi viene celebrata la domenica successiva a Natale, nella nuova liturgia della Sacra Famiglia.
In paese, nonostante la riforma del calendario liturgico introdotta dal Concilio Vaticano II, i “Santi Sposi” vengono ancora celebrati nella data tradizionale con una cerimonia solenne a cui prendono parte tutti i coniugi del paese che processionalmente, abbigliati nei tradizionali costumi locali, raggiungono la chiesa parrocchiale, nella quale vengono sistemate una accanto all'altra le statue di San Giuseppe e della Madonna, ai piedi dell'altare, come se davvero fossero davanti a Dio per celebrare il loro matrimonio.
La celebrazione eucaristica si svolgerà nella chiesa parrocchiale venerdì mattina alle 10.00 e sarà seguita dalla tradizionale processione che sfilerà per tutte le strade del paese, organizzata dalla Confraternita dedicata a San Giuseppe: nel corso del corteo gli sposi del paese doneranno confetti a tutti i partecipanti come segno di augurio e di condivisione della gioia del matrimonio.
«La festa dei Santi Sposi – ha spiegato il sindaco, Settembrino Giandonato – segna l'inizio, dopo la conclusione del periodo natalizio con le celebrazioni dell'Epifania, della serie di feste religiose e popolari di cui San Martino sulla Marrucina, fedele alla sua tradizione agricolo-pastorale, è piena. Quella dei Santi Sposti è una tradizione unica in Italia che distingue il nostro paese e che costituisce perciò la più importante manifestazione di fede popolare che il nostro territorio presenta».

21/01/2009 14.55