"La via del grano", la manifestazione per riscoprire la tradizione artigiana

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2255

CITTA' SANT'ANGELO. Prende il via domenica 29 giugno la manifestazione voluta dalla Confederazione Italiana Agricoltori di Pescara insieme alla CnaA e alla Camera di Commercio di Pescara. Per valorizzare i prodotti autoctoni e i nuovi mestieri legati alla tradizione rurale della nostra provincia.


Viene concepita dai promotori come una rievocazione e una rappresentazione di tutte le fasi della lavorazione del grano, dalla mietitura, alla carratura, alla trescatura.
Con l'aiuto e l'interesse di agricoltori ed artigiani che mettono a disposizione il loro campo, la loro aia, le attrezzature e la loro esperienza, la manifestazione sarà un momento di sintesi tra cultura contadina e tradizione artigiana.
La via del grano è disseminata di attrezzi, saperi, maestrie, credenze e di uomini e donne che con tenacia ed intelligenza si sono resi protagonisti del loro riscatto sociale e dello sviluppo della nostra agricoltura e del nostro artigianato.
Nella tradizione economica e culturale dell'Abruzzo, il lavoro artigiano ha svolto un ruolo certamente non marginale.
Per secoli in questa regione artigianato, agricoltura e pastorizia si sono alimentati vicendevolmente.
Le botteghe dei fabbri, ramai scalpellini, calzolai ed altri ancora hanno prodotto beni e servizi indispensabili alla vita delle comunità contadine sia dentro le mura delle città che all'interno delle fattorie. Il calzolaio veniva chiamato a produrre e aggiustare scarpe per tutta la comunità familiare contadina direttamente a domicilio producendo un interscambio non solo economico ma soprattutto culturale.
L'ombrellaio, l'arrotino tutti mestieri artigianali itineranti che hanno costituito momenti importanti di apertura ed interscambio per le società rurali.


28/06/2008 9.44