Per la prima volta "Le Lucciole di Tonino Guerra" in Abruzzo

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1978

CANZANO (TE). Sabato 12 luglio 2008 nel piccolo paese di Canzano in Provincia di Teramo si inaugura Le lucciole di Tonino Guerra. L'evento promosso dall'associazione culturale "San Gabriele Project" di Teramo con la collaborazione del Comune di Canzano, si avvale del Patrocinio della Regione Abruzzo e della Provincia di Teramo.
La mostra evento è stata presentata questa mattina nel corso della conferenza stampa che si è svolta presso la Sala Blu della Giunta Regionale in Viale Bovio a Pescara a cui sono intervenuti Giancarlo Puritani dell'associazione culturale "San Gabriele Project" e Katia Pompetti Assessore alla Cultura del Comune di Canzano.
« Il Maestro Tonino Guerra avrebbe dovuto esporre a Genova questa estate, ma quando gli abbiamo presentato il nostro paese si è subito innamorato ed ha accettato con molto entusiasmo il nostro invito – ha detto l'Assessore Katia Pompetti – le sue opere animeranno tutto il centro storico di Canzano e sappiamo che sarà un avvenimento straordinario per tutto il territorio».
Il progetto di una mostra delle opere di Tonino Guerra in Abruzzo nasce da una amicizia collaudata con Gabriele Puritani che dieci anni fa chiese al Maestro di scrivere la sceneggiatura per un film sulla vita di San Gabriele.
«Da quell'incontro è nata una forte amicizia durata negli anni – ha spiegato Giancarlo Puritani – che si concretizza con questa mostra evento che Tonino Guerra ha voluto regalare all'Abruzzo. Un altro regalo importante è la sua presenza all'inaugurazione con un recital di brani tratti dal suo ultimo libro l'Odissea di Omero riscritto in romagnolo».
«Quando ero giovane», ha raccontato Guerra, «ho cominciato a realizzare dei piccoli acquerelli, si trattava di cose molto semplici.
Poi c'è stata la prigionia e la parola ha preso il sopravvento. Credo che quello di essere un poeta sia il mio desiderio maggiore. E in tutto quello che faccio c'è sempre la poesia alle spalle».
Così Tonino Guerra descrive il suo rapporto con la pittura. Poeta innanzi tutto, ma anche scrittore, sceneggiatore, architetto, scultore, artista a tutto tondo dall'eclettismo sorprendente, a questo straordinario personaggio è dedicato l'appuntamento più atteso dell'estate abruzzese.
Come ama spesso ripetere il poeta "si mangia anche con gli occhi".
Da qui il titolo delle sue mostre: Le lucciole di Tonino Guerra, per donare schegge di luce.
L'esposizione di Canzano raccoglie variegate espressività creative di questo artista straordinario.
L'allestimento è a cura di Rita Ronconi.
Ingresso libero.


21/06/2008 12.33