Salta il simposio di scultura: «non ci sono soldi»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2173


CHIETI. La Provincia di Chieti non ha soldi da destinare alla promozione culturale, ed è per questo motivo che è saltata l'organizzazione del "Simposio di Scultura", evento in programma dal 3 al 13 luglio, che avrebbe dovuto coinvolgere i comuni di Celenza sul Trigno, Castiglione Messer Marino, Torrebruna, Rosello e addirittura Pescopennataro nel confinante Molise.
«Nonostante le ripetute assicurazioni fornite dall'assessore provinciale alla Cultura, Panfilo Di Silvio, - spiega amareggiato il maestro Colangelo, apprezzato scultore di zona - ad un mese dall'inizio del Simposio ho appreso che non ci sono più i fondi. Evidentemente la Provincia preferisce finanziare le sagre di paese, invece di investire sulla Cultura».
Il simposio di scultura avrebbe coinvolto numerosi artisti e diversi comuni montani e si sarebbe inserito nel più ampio progetto di riscoperta e valorizzazione dei tratturi.
«In un primo momento la Provincia, per bocca dell'assessore Di Silvio, ha dato pieno appoggio all'iniziativa - continua Colangelo - Ho addirittura contattato gli artisti, impegnandoli per il periodo durante il quale si sarebbe dovuta svolgere la manifestazione. In sostanza dopo sette mesi di incontri preliminari, studi e conferenze, resta un nulla di fatto. Pare non ci siano più i tanto sbandierati fondi».
Anche la seconda ipotesi, quella di finanziare il simposio con denaro proveniente dagli appalti pubblici (il 2% del ribasso d'asta, ndr), è definitivamente sfumata. Rubinetti chiusi, evento annullato.
f.b. 29/05/2008 9.20