Da Ortona a Chios, in nome di San Tommaso

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2883

ORTONA. Una reliquia del Santo sarà consegnata alla Chiesa ortodossa in nome del messaggio di Giovanni Paolo II

Parte dall'Abruzzo il dialogo ecumenico in nome di San Tommaso fra cattolici e ortodossi.
Dal 7 al 14 maggio una delegazione abruzzese composta da rappresentanti istituzionali e da pellegrini si recheranno nell' isola del Mar Egeo per un evento storico che richiama il messaggio di fratellanza lanciato da Giovanni Paolo II nei confronti delle altre confessioni cristiane e per lanciare un nuovo volto promo- turistico dell'Abruzzo.
Un legame che unisce due comunità, quella ortodossa e quella cattolica, nella devozione per l'Apostolo Tommaso e che troverà il suo culmine con la restituzione di una piccola reliquia da parte dell'Arcidiocesi Lanciano-Ortona e con il gemellaggio tra le municipalità, in un momento di interscambio e di promozione del Cammino di Tommaso anche sul mercato greco.
L'iniziativa è stata presentata ieri mattina dal presidente del Consiglio comunale di Ortona, Remo Di Martino e dal presidente della società In Fiera Enzo Giammarino, alla presenza del rappresentante della Lega Italo-Ellenica Evangelo Alexandris.
Il Cammino di San Tommaso Apostolo è un itinerario spirituale e culturale che unisce la capitale della cristianità, Roma, alla tomba dell'Apostolo Tommaso. La via abruzzese del pellegrinaggio che si inserisce nel progetto più ampio de I Cammini d'Europa vede insieme i tre Apostoli, Pietro, Giacomo e Tommaso.
Il Cammino che tocca le principali mete religiose della regione, come il Miracolo Eucaristico di Lanciano, San Camillo de Lellis di Bucchianico, il Volto Santo di Manoppello, gli eremi celestiniani di Sulmona, affonda le sue radici storiche nell'arrivo nel 1258 delle reliquie del Santo dall'isola greca di Chios.
Il programma di promozione turistica regionale "Culto e Cultura in Abruzzo" che valorizza le destinazioni regionali d'eccellenza ha inserito Chios tra le azioni di promotion dell'annualità 2008.
«Nel 2002 proprio da Chios – ha rilevato Remo Di Martino - è partita l'azione di valorizzazione e di promozione della presenza della tomba dell'Apostolo Tommaso ad Ortona, un lavoro che in sei anni ha portato non solo ad una serie di interscambi religiosi e culturali con la Grecia e l'India ma ha anche portato Ortona nel progetto "Culto e Cultura". I risultati raggiunti sono più che soddisfacenti, i dati ufficiali della Cattedrale parlano di un aumento di arrivi mentre con il progetto regionale sul turismo religioso siamo entrati nei grandi circuiti internazionali, la strada da percorrere è ancora lunga ma per fortuna qualcuno quella strada l'ha intrapresa».
«Dalla tomba dell'Apostolo - sottolinea Enzo Giammarino- parte il percorso abruzzese inserito nel progetto europeo dei Cammini d'Europa, un itinerario che riprendendo alcune storiche vie del pellegrinaggio si snoda attraverso il territorio regionale fino a giungere a Roma».

06/05/2008 10.28