Fabbiani, «uno sportello nazionale per le vertenze»

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2203

TERAMO. In un incontro con il ministro Damiano l’assessore regionale Fabbiani ha chiesto incentivi per il Lavoro.

Interventi straordinari di settore o di area, per situazioni di crisi economica come quelle della Valle Peligna-Alto Sangro e della Valfino, la previsione di fondi nella legge Finanziaria dello Stato non solo per ammortizzatori sociali in deroga ma anche a sostegno delle politiche attive del lavoro e la soddisfazione delle aspettative di stabilizzazione dei precari della pubblica amministrazione, secondo quanto già previsto dalla Finanziaria 2007: queste le richieste avanzate dall'assessore al Lavoro, Fernando Fabbiani, al Ministro del Lavoro, Cesare Damiano, nell'incontro avuto stamane a Teramo.
L'assessore poi ha proposto «l'attivazione di uno sportello in sede ministeriale per le vertenze di valenza nazionale, per lo sviluppo economico e per tutte le problematiche del lavoro, che sia interfaccia del nostro Cicas».
L'assessore ha anche annunciato per il prossimo Por 2007-2013 «il trasferimento alle Province di fondi per oltre 135 milioni di euro, in sette anni, in attuazione della delega conferita dalla Regione alle stesse Province».
Infine Fabbiani ha dato notizia dell'apertura prevista per aprile del 2008 della ludoteca regionale per l'orientamento tecnoscientifico, in attuazione del protocollo d'intesa sottoscritto dalla Regione con le Università abruzzesi. La ludoteca avrà sede nel Museo della Fisica di Teramo.
«L'incontro con il ministro Damiano è stato positivo - ha commentato Fabbiani - il ministro ascolta le nostre proposte e si fa portavoce in sede di Governo delle aspettative delle Regioni che come l'Abruzzo hanno un alto tasso di precarietà, il 9% in più rispetto al tasso nazionale che è del 15%».
29/10/2007 14.44