XXII premio Sulmona di giornalismo, tv e cultura, proclamati i vincitori

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2222

SULMONA. Il primo posto del XXII Premio Sulmona di giornalismo, televisione e cultura, sezione critica d'arte, ex aequo, è andato ai critici Vittorio Esposito (Italia Sera) e Giovanni Amodio (Taranto Oggi).
Il secondo premio, sempre ad ex aequo, è stato assegnato ad Annarita Santilli (Rivista de museologia di Madrid, Spagna) e Toti Carpentieri (Gazzetta del Mezzogiorno). Targa d'argento al pescarese Massimo Giuliano, mentre il premio per il miglior servizio televisivo è stato attribuito a Gaetano Trigilio (Onda Tv).
Il premio per il giornalismo televisivo è stato assegnato al caporedattore centrale del Tg2, Michele Bovi "per l'alto profilo dei numerosi programmi di approfondimento sulla storia della musica e di una nutrita serie di Dossier del Tg2 dedicata alle tematiche del diritto d'autore e del plagio musicale di cui è uno dei maggiori esperti italiani". Per la carta stampata sono stati premiati il direttore del quotidiano "La Nazione", Francesco Carrassi "per l'alto contributo che, attraverso il quotidiano da lui diretto e i suoi articoli, ha saputo dare al giornalismo d'inchiesta e a favore di un'educazione alla cittadinanza civile e responsabile", e l'inviato speciale del Corriere della Sera, Aldo Cazzullo autore di numerose pubblicazioni, tra cui "I Grandi Vecchi" in cui si evidenza "l'alto profilo delle interviste ai personaggi della politica, della cultura e dell'economia italiana". Il Premio Sulmona dedicato alla televisione è stato assegnato al giovane conduttore di "Linea Verde" (Raiuno), Massimiliano Ossini "per aver saputo comunicare l'ambiente e l'ecologia con un linguaggio nuovo, in grado di suscitare l'attenzione dei giovani telespettatori". Il Premio per la cultura è stato attribuito alla scrittrice Dacia Maraini, "intellettuale dotata di doti comunicative, che, unite a una profonda sensibilità civile particolarmente attenta ai temi della condizione femminile e alla tutela del patrimonio naturale e culturale, delineano la personalità di una donna fra le più autorevoli dell'Italia contemporanea". A Flavio Caroli, ordinario di Storia dell'Arte Moderna presso la facoltà di Architettura del Politecnico di Milano, è stato riservato il premio speciale riservato agli storici dell'arte. I premiati saranno il 29 settembre a Sulmona per ritirare il riconoscimento.
26/09/2007 10.01