Il Lions Club di Chieti tra forum e approfondimenti per lo sviluppo della città

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2079


CHIETI. «Chieti è stata l'unica vera Città Aperta della Seconda guerra Mondiale, a differenza di Roma e Firenze»; lo ha detto lo storico Marco Patricelli intervenuto a Chieti per la presentazione del suo ultimo libro: “L'Italia sotto le bombe – Guerra aerea e vita civile 1940-1945”, edito dalla casa editrice Laterza. Marco Patricelli è stato ospite del Lions Club Chieti Host.
«Il riconoscimento di Chieti Città Aperta – ha detto Patricelli – era un riconoscimento bilaterale, a differenza di quanto avvenuto per Roma e Firenze che avevano solo riconoscimenti unilaterali. Questo fatto, ha poi aggiunto Patricelli, è stato determinante per la città che è stata salvata dalla distruzione con i bombardamenti aerei».
Marco Patricelli è intervenuto all'Assemblea del Lions Club Chieti Host.
Il Club, guidato in questo anno sociale dal giornalista Nino Germano, porrà particolare attenzione ai temi dell'ambiente e dello sviluppo della città.
«Il Lions Club Chieti Host», ha annunciato il Presidente Germano, «sta organizzando un Forum sui temi dell'energia e l'ambiente che verdà la partecipazione, a Chieti, degli Assessori regionali di Abruzzo, Marche, Emilia-Romagna e Molise, e la presenza del Ministro dell'Ambiente, Alfonso Pecoraio Scanio».
Tra gli appuntamenti annunciati nell'Anno sociale 2007-2008 del Club di Chieti anche una riflessione sulle linee di sviluppo della città, un evento denominato “Chieti 2020” con la partecipazione delle massime personalità provinciali e cittadine sui temi dell'economia, del turismo e della cultura.
In programma anche campagne di prevenzione sanitaria con incontri conoscitivi nelle scuole su droga, alcolismo e guida sicura; il progetto “Santa Lucia” in piazza per la prevenzione della cecità e dei problemi degli occhi ed una collaborazione con l'Avis per la donazione del sangue.
«Il Lions Club di Chieti», ha ricordato inoltre il Presidente Germano, «è in prima linea in un grande progetto del Lions Club del Distretto 108 A che riguarda la costruzione di un villaggio di formazione a Wolisso, in Etiopia».
20/09/2007 11.26