Waterloo per Napoleone, l'ex direttore licenziato dalla d’Annunzio perde il ricorso

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

2836

CHIETI. Il ricorso dell'ex direttore generale dell'Ateneo D'Annunzio, Marco Napoleone, è stato rigettato dal giudice del lavoro di Chieti Laura Ciarcia.

Il giudice del lavoro ha ritenuto infondato il ricorso in via d'urgenza presentato dall'ex direttore generale dell'Università "D'Annunzio" di Chieti-Pescara, Marco Napoleone, che aveva chiesto la reintegra nel posto di lavoro.

Napoleone ha impugnato la deliberazioni del Senato accademico e del Consiglio di amministrazione del 26 settembre scorso e il successivo decreto emesso dal rettore Franco Cuccurullo che aveva dichiarato la cessazione del rapporto di fatto. L'estromissione del direttore generale era stata decisa alla fine di settembre dal Consiglio di amministrazione dell'ateneo che sulla base di un parere legale prodotto dal rettore Franco Cuccurullo aveva ritenuto nullo il rapporto fra l'ateneo e Napoleone. Il contratto, infatti, pur sottoscritto dalle parti, avrebbe dovuto essere approvato dal Consiglio di amministrazione. I provvedimenti del Cda e del rettore erano giunti in conseguenza di una specifica richiesta avanzata già a luglio scorso dal Ministero dell'Università e della ricerca scientifica sulla consistenza dell'importo del contratto con Napoleone. Stipulato nel 2009 il contratto sarebbe scaduto a fine 2012. Il Tar nei giorni scorsi aveva respinto il ricorso di Napoleone che chiedeva la sospensiva dell'avviso con il quale la D'Annunzio intende individuare il nuovo direttore generale.

Adesso Napoleone, che è stato condannato anche alle spese legale, avrà 15 giorni di tempo per presentare un ricorso e tentare di far valere le sue ragioni contro l'interruzione del rapporto contrattuale da parte del consiglio di amministrazione dell'ateneo.

La battaglia contro il rettore Cuccurullo termina dunque con una prima sconfitta. Ma probabilmente l'ex dg andrà avanti. Sul piatto della complicata questione c’è anche un bando per la ricerca del nuovo direttore generale ed una indagine penale che prosegue ilsuo corso parallelamente ed avviata da un esposto dello stesso Napoleone.

27/10/2011 17.14

* TUTTA LA COMPLESSA VICENDA DEGLI ULTIMI MESI