Olimpiadi Informatica, quattro abruzzesi in finale e due salgono sul podio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2724

ABRUZZO. Venerdì scorso si è svolta a Sirmione (Brescia) la gara nazionale delle Olimpiadi di Informatica, alla quale hanno partecipato ben quattro atleti abruzzesi.

I quattro studenti sono arrivati a questa prova finale dopo aver superato due diverse fasi di qualificazione, una scolastica e una regionale, curate dalla professoressa Rossana D'Ignazio dell' Itc Manthonè di Pescara, seguiti dai propri professori e dal professor Luca Forlizzi del dipartimento di informatica dell'Università degli Studi dell'Aquila con la collaborazione del professor Giuseppe Bizzarri.

Dopo una prova della durata di 5 ore nella quale si sono cimentati nella risoluzione di problemi algotitmici, i ragazzi hanno riportato a casa due medaglie, un oro ed un argento, e la possibilità di partecipare alle fasi internazionali che si terranno il prossimo anno in Italia.

A portare in alto il nome della regione sono stati convocati, William Di Luigi, dell'Istituto Superiore Alessandrini di Montesilvano, Alessandro Gatti dell'ITI Alessandrini di Teramo, Antonio Di Bello e Marco Natuzzi del Liceo Scientifico Mattei di Vasto.

In un medagliere composto da 35 medaglie suddivise in 5 ori 10 argenti e 20 bronzi, William Di Luigi ha portato a casa la medaglia d'oro, secondo classificato in assoluto, mentre Marco Natuzzi, nono classificato, si è aggiudicato la medaglia d'argento. Anche gli altri due ragazzi hanno riportato un buon risultato piazzandosi a pochi punti dalla medaglia di bronzo, sfiorata e sfumata soprattutto a causa della minore esperienza e la giovane età. Proprio la giovane età, permetterà ad Antonio Di Bello di partecipare anche il prossimo anno nuovamente alle fasi nazionali.

In simili contesti l'Abruzzo raramente riesce a raggiungere così buoni risultati, a differenza di regioni come la Lombardia, il Piemonte o anche la Puglia con più scuole partecipanti e più lunga tradizione. La partecipazione delle scuole abruzzesi alle selezioni scolastiche e regionali è infatti esigua.

«Le olimpiadi di informatica non sono semplicemente una gara: il loro percorso si svolge nell’arco di due anni scolastici rappresentando l’occasione per avvicinare all’informatica come disciplina tantissimi ragazzi, basti pensare quest’anno alle selezioni scolastiche hanno partecipato oltre 10.000 studenti di 441 scuole», spiega Giulio Occhini, direttore di Aica. «Esse rappresentano un momento di crescita per i giovani talenti, che possono accedere ad opportunità importanti – come ad esempio le borse di studio che ogni anno la Banca d’Italia assegna ai migliori 5 classificati delle gare nazionali. Infine, mettono in primo piano l’eccellenza che la nostra scuola sa ancora coltivare e creare, grazie alla passione di tanti docenti che si impegnano per formare i propri studenti».

03/10/2011 9.50