Denso, nuova morte in fabbrica. Quinto incidente mortale sul lavoro in 15 giorni

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3552

VASTO. Renzo Liverotti, autotrasportatore di 52 anni, è morto ieri alla Denso, la fabbrica giapponese di Piana Sant'Angelo di componenti di auto.

Secondo la ricostruzione di un operaio che si trovava sul posto Liverotti sarebbe stato colpito «accidentalmente» dal braccio meccanico di un carrello elevatore mentre si trovava su un molo di carico. Ma le indagini non sono ancora chiuse. Gli inquirenti, infatti, vogliono capire se l'uomo si sia accasciato a terra a causa di un malore e quindi colpito dal braccio meccanico o se sia caduto a terra proprio a causa del colpo ricevuto. All'arrivo del 118 l'autotrasportatore era ancora vivo ma è deceduto durante il trasporto in ospedale. Ad indagare sulla morte sono i carabinieri di San Salvo e la Procura di Vasto ha disposto l'autopsia sul cadavere dell'uomo.

Questo è il sesto incidente sul lavoro registratosi solo nel mese di settembre in Abruzzo. 5 i morti e 1 ferito grave: un bilancio più che tragico e una scia di sangue che non sembra volersi fermare.

Il 5 settembre in un capannone di un'azienda agricola di Bugnara ha perso la vita Aurelio Bostioc, 23 anni, originario della Romania. Solo qualche ora prima era morto Nicola Salvi, operaio di 52 anni di Giulianova, schiacciato da una trave mentre montava un nuovo macchinario all'azienda "Forex Prefabbricati" a Bazzano. Morto sul lavoro anche Massimiliano Bucci, 35 anni, operaio nello stabilimento di Ortona della De Cecco. La settimana scorsa un romeno di 40 anni ha perso la vita in un cantiere che si trova nelle vicinanze dell'Agenzia delle Entrate di Avezzano mentre E.S., 37 anni, originario del Brasile ma residente a L'Aquila, è rimasto gravemente ferito mentre stava facendo lavori di ripulitura e manutenzione di un rullo meccanico alla 'Otefal Group', nel nucleo industriale di Bazzano.

15/09/2011 9.33