Squadre di tombaroli scoperte dai carabinieri, 47 denunce

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1211

BARI. Sottraevano beni in aree protette pugliesi e lucane. Perquisizioni a Chieti.

Scavavano nelle tombe, sepolture millenarie, sottraendo il prezioso contenuto, per lo più anelli, medaglie, reperti archeologici in ceramica: le squadre di tombaroli e di ricettatori operavano nelle aree protette pugliesi e lucane, in particolare nelle zone di Castellaneta e Laterza, Metaponto e Montescaglioso.

L'organizzazione è stata scoperta dai militari del Comando Carabinieri Tutela Patrimonio culturale- Nucleo di Bari - i quali hanno individuato e denunciato 47 persone che dovranno rispondere a vario titolo di ricettazione, violazione in materia di ricerche archeologiche ed impossessamento illecito di beni appartenenti al patrimonio dello Stato.

Nel corso dell'operazione sono state eseguite 50 perquisizioni nei confronti di persone e in abitazioni in 21 Comuni distribuiti nelle province di Taranto, Brindisi, Lecce, Potenza, Matera, Chieti, Cosenza, Arezzo, Napoli e Roma.

I militari hanno recuperato 2.298 beni archeologici (monete, medaglie, reperti in ceramica, oggetti in metallo, selci, fossili, frammenti in terracotta e ossei, statuette).

L'indagine è cominciata nel dicembre del 2010.

Alcune squadre di tombaroli alle prese con scavi clandestini durante la notte sono state sorprese, tra l'altro, in flagranza di reato.

Pur di reperire il materiale da rivendere, i malfattori non si facevano scrupolo di utilizzare escavatori, rivoltando la terra per individuare le tombe da saccheggiare. I pesanti lastroni in pietra, posti a protezione delle tombe, venivano così frantumati, provocando spesso anche il danneggiamento di delicati recipienti in ceramica, decorati, contenuti nelle fosse, connessi con l'offerta simbolica di cibi e bevande.

Le squadre di tombaroli - secondo quanto accertato - potevano anche contare su sofisticati metal detector che consentivano di individuare oggetti metallici, come anelli, bracciali, fibbie, medaglie o monete, molto ricercate e richieste dai collezionisti.

Oltre alle necropoli venivano saccheggiate anche le aree dove sorgevano antiche città.

07/07/2011 9.31