Collisione peschereccio-motocisterna a Porto San Giorgio

Alessandro Biancardi

Reporter:

WhatsApp PdN 328 3290550

Letture:

1346

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. Sul posto per le verifiche è arrivato un mezzo aereo della guardia costiera di Pescara.

Non ha provocato problemi di inquinamento la collisione avvenuta all'alba, poco dopo le 5, tra la motocisterna 'Tigullio' e il peschereccio 'Falco pescatore'.

Il secondo si è spezzato in due e inabissato, 13 miglia al largo di Porto San Giorgio. Salvi tutti i membri dell'equipaggio.

E che per l'ambiente non ci sono state conseguenze nefaste lo ha appurato un mezzo aereo della guardia costiera giunto da Pescara che ha sorvolato l'area poco dopo la collisione.

Il pericolo maggiore era quello degli sversamenti in mare di idrocarburi, rischio fortunatamente scongiurato.

Il comandante del peschereccio ha inoltre dichiarato di avere chiuso le casse del carburante (nafta). Sul posto sono arrivate anche due motovedette della guardia costiera arrivate da San Benedetto del Tronto e Porto San Giorgio. I sei membri dell'equipaggio, tratti in salvo da un altro peschereccio che si trovava nelle vicinanze, sono stati trasferiti a bordo di una delle motovedette a San Benedetto del Tronto e sono già stati sentiti dalla capitaneria di porto per l'inchiesta sommaria sulla dinamica del sinistro.

28/04/2011 12.49